Strage nella scuola in Texas, parla il maestro sopravvissuto: «La polizia ha aspettato troppo. Cambiate la legge sulle armi»

Nell'agguato nell'istituto di Uvalde sono morti 19 studenti e 2 insegnanti

Strage nella scuola in Texas, parla il maestro sopravvissuto: «La polizia ha aspettato troppo. Ora, cambiare la legge sulle armi»
4 Minuti di Lettura
Martedì 7 Giugno 2022, 20:13 - Ultimo aggiornamento: 8 Giugno, 16:07

«La polizia aveva giubbotti antiproiettile. Io non avevo niente. Hanno aspettato troppo tempo prima di intervenire». Parla per la prima volta Arnulfo Reyes, il maestro dell'aula 111 della scuola Robb di Uvalde, in Texas, dove sono stati uccisi, lo scorso 24 maggio, 2 insegnanti e 19 studenti. Undici di questi erano suoi alunni, tutti portati via dalla follia omicida del 18enne Salvador Ramos in quella che è stata la seconda sparatoria più mortale nella storia degli Stati Uniti. Reyes ha descritto il momento terrificante in cui ha incontrato per la prima volta l'assassino. L'insegnante stava guardando un film con 11 dei suoi studenti quando ha sentito risuonare gli spari - ha raccontato a ABC News - ancora ricoverato, dopo le due ferite da arma da fuoco subite, dal Brooke Army Medical Centro di Sant'Antonio.

 

Il maestro: «Legge sulle armi da cambiare»

Per Reyes, insegnante di terza e quarta elementare, le leggi sulle armi «devono cambiare» per «non lasciare che questi bambini e i colleghi siano morti  invano». Reyes ha ricordato che il 24 maggio doveva essere una buona giornata con la cerimonia di premiazione speciale di fine anno per gli studenti.  Ha ricordato che alcuni bambini sono andati a casa con i genitori dopo la cerimonia. Undici, invece, sono rimasti in classe con lui. «I ragazzi hanno iniziato a chiedere ad alta voce: Mr. Reyes, cosa sta succedendo? Non so cosa sta succedendo, ho risposto invitandoli a mettersi i sotto il tavolo come se stessimo dormendo. Quando mi sono voltato, l'ho visto in piedi, lì...».

Il racconto dell'aggressione: «Ho pensato di morire»

Reyes ha detto che l'uomo armato è entrato nella stanza 111 attraverso la porta adiacente della stanza 112 e ha aperto il fuoco. Reyes è stato colpito due volte, con un proiettile che lo ha colpito al braccio e al polmone e un altro lo ha colpito alla schiena. «Ho detto ai miei bambini di comportarsi come se stessero dormendo, quindi mi comporterò come se stessi dormendo anch'io. E ho pregato e pregato di non sentire nessuno dei miei studenti parlare» ha ricordato Reyes. «Ho pensato di morire? Sì». L'uomo armato è entrato nella scuola alle 11.33 e, nelle stanze 111 e 112, ha sparato più di 100 colpi. Sebbene gli agenti abbiano rapidamente raggiunto l'uomo, hanno fatto irruzione in aula solo 77 minuti dopo. Dure le sue accuse alla polizia: «Sono codardi - ha detto Reyes a ABC News -. Si sono seduti lì e non hanno fatto nulla per la nostra comunità. Ci hanno messo molto tempo per entrare... Non li perdonerò mai. Sentivo urlare: agente, siamo qui! Siamo qui. Dopo aver sentito la voce, l'assassino si è alzato da dietro la mia scrivania, è andato laggiù e ha sparato di nuovo laggiù».

Le critiche alla polizia: «Hanno atteso di fuori»

Poi, la porta è stata sfondata e la pattuglia di frontiera ha ucciso il tiratore. «Proiettili ovunque» ha detto Reyes. «Ricordo solo che le pattuglie di frontiera dicevano: Alzati! E non riuscivo ad alzarmi. Mi arrabbio perché la polizia aveva i giubbotti antiproiettile. Io non avevo niente. Dovrebbero proteggere e servire, non ci sono scuse per le loro azioni» ha detto Reyes. «Ho perso 11 bambini quel giorno - ha spiegato Reyes - Dico ai genitori: mi dispiace. Ho fatto del mio meglio, quello che mi è stato detto di fare. Per favore, non siate arrabbiati con me. Niente ti prepara per questo. Abbiamo addestrato i nostri bambini a sedersi sotto il tavolo, ed è quello che pensavo in quel momento, ma li abbiamo impostati per essere come anatre. Puoi dare tutta la formazione che desideri. Ma le leggi sulle armi devono cambiare altrimenti non cambierà nulla. L'unica cosa che so è che non permetterò che questi bambini e i miei colleghi siano morti invano. Non lo farò - ha chiuso -. Andrò da nessuna parte, alla fine del mondo, per non lasciare che i miei studenti siano morti invano».

© RIPRODUZIONE RISERVATA