Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Arrestata coppia di sospette spie russe: «Usavano identità finte con i nomi di due bimbi morti»

Gli investigatori hanno trovato foto dei due con le divise dei servizi segreti sovietici

Hawaii, arrestata coppia di possibili spie russe: sono accusati del furto d'identità di due bambini morti
3 Minuti di Lettura
Giovedì 28 Luglio 2022, 17:54 - Ultimo aggiornamento: 19:36

Giallo alle Hawaii dove si sospetta l'infiltrazione di due spie. No, non è il titolo di un romanzo noir, ma il contorno di una storia che arriva direttamente dall'arcipelago americano. Un consulente tecnico della Guardia Costiera locale e sua moglie, entrambi sessantenni, sono stati arrestati con l'accusa di aver usato per decenni identità false sottratte a due bambini morti in Texas negli anni '80: Bobby Edward Fort e Julie Lyn Montague. Ma c'è di più: le autorità sospettano si tratti di due spie russe.

Soldati «mutanti» creati con l'aiuto degli Stati Uniti, l'ultima accusa della Russia all'Ucraina

Coppia arrestata, il sospetto che siano due spie

Il procuratore capo di Kapolei, nell'isola di Oahu, la città dove vive la coppia, ha chiesto che venga negata ai due la libertà su cauzione. I veri nomi della coppia sarebbero Walter Glenn Primrose e Gwynn Darle Morrison. L'accusa del furto d'identità non è l'unica imputazione che viene mossa contro di loro. Gli arrestati sarebbero al momento indagati anche per spionaggio. Ad inchiodarli ci sarebbero delle foto in cui sono stati immortalati con indosso le divise del Kgb.

 

Ad avvalorare questa tesi c'è la testimonianza di un collega della Morrison che avrebbe dichiarato che Gwynn Darle Morrison ha vissuto in Romania durante l'epoca sovietica. Per ora la circostanza è stata smentita dall'avvocato della donna che ha liquidato le presunte foto con le divise dell'ex servizio segreto sovietico come «uno scherzo». Il legale ha poi aggiunto: «Lei vuole che tutti sappiano che non è una spia, tutto questo è spropositato, il governo americano sta esagerando».

L'uomo si era invece arruolato nella Guardia Costiera americana nel 1994, e ci è rimasto fino al 2016, quando è poi diventato collaboratore del Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti fino a oggi, il giorno del suo arresto.

Guerra in Ucraina, la Russia in difficoltà: ha già perso il 30% delle forze armate

© RIPRODUZIONE RISERVATA