Spagna tra disoccupazione e povertà: il governo vara il Reddito Minimo Vitale

Venerdì 12 Giugno 2020 di Elena Marisol Brandolini
Il premier spagnolo Pedro Sanchez

In Spagna, lo scontro politico in parlamento è ormai una costante della dialettica tra governo e opposizione. E’ stato così fin dalla nascita della coalizione progressista guidata da Pedro Sánchez, con il sostegno di nazionalisti e indipendentisti baschi e catalani. E così si è mantenuto durante l’epidemia da Covid-19, aggravandosi nei toni in questa fase di desescalada dal confinamento. Eppure il Congresso spagnolo ha dato il via libera, senza nessun voto contrario, alla proposta chiave dell’esecutivo Psoe e Unidas Podemos, quella dell’istituzione di un Reddito Minimo Vitale: tutti i gruppi hanno votato a favore tranne l’estrema destra di Vox, che aveva tacciato inizialmente il provvedimento di “paghetta”, ma che alla fine non ha potuto far meno che astenersi.

Regno Unito, produzione industriale e manifatturiera in caduta ad aprile

LE DISUGUAGLIANZE
La Spagna è uno dei paesi europei con più alti livelli di diseguaglianza sociale, una situazione che eredita dalla crisi del 2008. Secondo dati Eurostat, in Spagna l’indice del Gini – che misura la diseguaglianza nella distribuzione di redditi e ricchezza – è di quasi tre punti superiore a quello medio dell’Unione Europea (il 30,8 contro il 33,2). Nel 2018, il tasso di rischio di povertà (famiglie ove il reddito disponibile procapite è inferiore al 60% del reddito medio nazionale) era del 21,5%, riguardando quasi 10 milioni di persone, un minore su quattro, 4 milioni di famiglie. Mentre, secondo l’indice AROPE (At Risk of Poverty and Exclusion, che oltre alla povertà relativa considera la bassa intensità di lavoro e la grave privazione materiale), la povertà nel 2018 interessava il 26,1% della popolazione spagnola. Una diseguaglianza nella distribuzione che si accentua nelle fasce di reddito più basse, producendo perciò livelli di povertà estrema molto elevati. A ciò si aggiungono ora le conseguenze socio-economiche della crisi pandemica, con la previsione in Spagna di perdite del PIL per il 2020 pari all’11,1% secondo l’OCSE (-14,4% in caso di seconda ondata epidemica), del 9,2% secondo il governo spagnolo. E un aumento del tasso di disoccupazione, per l’anno in corso, fino al 19%.

Lufthansa, tagliati 26 mila posti di lavoro. New Alitalia, un altro rinvio

Il Reddito Minimo Vitale approvato riguarderà 850.000 famiglie, circa 2 milioni e 300.000 persone, di cui il 30% minori di età, eliminando l’area di povertà estrema che attualmente interessa 600.000 famiglie, 1 milione e 600.000 persone. Come ogni misura della sicurezza sociale tesa a combattere la povertà e a favorire l’inclusione sociale e la partecipazione nel mercato del lavoro, il reddito minimo, che si configura come un diritto soggettivo, assume come base di riferimento l’unità familiare formata da uno o più individui. Fornirà pertanto un reddito compreso tra 461,5 e 1.015 euro mensili, dipendendo l’ammontare dalla numerosità e qualità dei componenti familiari (presenza di figli, famiglie monoparentali) e dal totale del reddito e patrimonio familiare (esclusa la casa di prima abitazione). La misura avrà carattere strutturale, sarà gestita dall’Instituto Nacional de la Seguridad Social, costerà attorno ai tre miliardi di euro e sarà compatibile con altre misure analoghe già esistenti a livello di Comunità Autonoma. Sarà riconosciuta alle persone richiedenti in situazione di vulnerabilità economica di età compresa tra i 23 e i 65 anni, residenti legalmente in Spagna da almeno un anno e avrà effetto retroattivo dallo scorso 1 giugno.

Prestiti Coronavirus, lettera di Bankitalia alle banche in ritardo: lentezze non legate a capitale e liquidità

L'APPROCCIO
Differentemente da istituti analoghi di altri paesi come il Reddito di Cittadinanza italiano, l’approccio è decisamente meno lavorista, nel senso che i richiedenti debbono essere iscritti alle liste di collocamento, ma la prestazione prevederà incentivi all’occupazione e sarà compatibile anche con bassi redditi di lavoro per evitare la cosiddetta “trappola della povertà”. La seconda peculiarità del Reddito Minimo spagnolo è che, essendo stato approvato successivamente alla crisi sanitaria, terrà conto anche delle situazioni di povertà createsi nel corso del 2020.

© RIPRODUZIONE RISERVATA