Johnny Morrissey, preso in Spagna uno dei più grandi riclatori di denaro d'Europa: «Giro d'affari da 200 milioni»

I criminali "truccavano" auto con il doppio fondo e avevano creato un marchio di vodka fittizio per nascondere i traffici illeciti

Spagna, arrestato Johnny Morrissey uno dei più grandi riclatori di denaro d'Europa: «Giro d'affari da 200 milioni»
3 Minuti di Lettura
Giovedì 15 Settembre 2022, 20:04

Oltre 200 milioni di euro di provenienza illecita. È questa la cifra record a cui ammonterebbe il denaro "ripulito" da Johnny Morrissey, cittadino britannico e irlandese da tempo nel mirino dell'Eurpol arrestato dalla Guardia Civil in Spagna lunedì scorso insieme ad alcuni collaboratori - di cui uno rintracciato nel Regno Unito -. 

Corpi dei figli «trovati nelle valigie»: arrestata la mamma coreana. I piccoli avevano 7 e 10 anni

Il super-latitante era legato alla mafia irlandese

Morrissey secondo la polizia è un membro del potente clan mafioso irlandese Kinahan. A detta degli inquirenti spagnoli, era in grado di accumulare «grandi quantità di denaro in contanti», riciclarlo attraverso il cosiddetto metodo della 'Hawalà — un millenario sistema informale di trasferimento di valori originatosi in Medio Oriente, ora praticato attraverso comunicazioni criptate — e canalizzarlo verso organizzazioni deliquenziali attive in altri paesi (o viceversa). «Il suo arresto rappresenta un duro colpo al sistema di finanziamento del clan Kinahan», ha spiegato una fonte a conoscenza delle indagini. 

Una vodka fittizia e auto con il doppio fondo per mascherare le attività illecite 

Dalle indagini emergono dettagli degni di una serie poliziesca. Per mascherare le proprie attività criminali nella zona della Costa del Sol spagnola, aggiunge la Guardia Civil, l'organizzazione mafiosa aveva creato una marca di vodka fittizia, "Nero", promossa in «spettacoli, feste ed eventi in discoteche e ristoranti di lusso» della zona. Inoltre, i membri del clan trasferivano il denaro su auto in cui venivano creati «sofisticate forme di doppio fondo». All'operazione di polizia hanno collaborato la Nca britannica, la Dea statunitense, la Politei olandese e la Garda irlandese. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA