Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Ucraina, i soldati russi morti in battaglia: ecco come si celebrano i funerali

In un lungo articolo di Novaya Gazeta si racconta come vengono celebrati i caduti

Ucraina, i soldati russi morti in battaglia: ecco come si celebrano i funerali
3 Minuti di Lettura
Sabato 26 Marzo 2022, 15:53 - Ultimo aggiornamento: 19:31

Cosa succede ai soldati russi morti in Ucraina? Lo racconta un lungo articolo apparso su Novaya Gazeta. Il giornale per cui scriveva Anna Politkovskaja, la giornalista assassinata a Mosca nel 2006, riferisce che il 23 marzo nella città russa di Lesosibirsk è stato celebrato il funerale del paracadutista Ruslan Tokarev. Un funerale che non è stato né ufficioso né ufficiale e che rivela tutto l'imbarazzo per l'operazione militare speciale in corso in Ucraina. La bara è stata portata nella sala espositiva della città. Ma il sindaco ha annunciato la cerimonia non sul suo sito ufficiale, bensì sui propri social.

Il giornalista russo e Premio Nobel per la pace del 2021 Dmitry Muratov, attuale direttore di Novaya Gazeta che sta pubblicando notizie in lingua russa e in lingua ucraina, ha annunciato che metterà all'asta la medaglia per donare il ricavato al Fondo per i profughi ucraini. Ha  chiesto un cessate il fuoco immediato, lo scambio di prigionieri, delle salme dei soldati uccisi, e l'apertura di corridoi umanitari dalle città ucraine assediate. «Cosa possiamo fare: condividere con i rifugiati, le persone ferite e i bambini che hanno bisogno urgente di cure ciò che ci è caro e che ha un valore per gli altri», ha scritto sul sito del giornale, un annuncio in russo, inglese e ucraino.

A salutare il paracadutista sono venuti compagni di classe e insegnanti. C'erano anche il sindaco e il presidente del consiglio comunale. Lesosibirsk è una piccola città nel territorio di Krasnoyarsk. I soldati ora sono sepolti silenziosamente e costantemente, si legge sul quotidiano.

Su VKontakte vengono pubblicati i nomi e le cerimonie funebri dei soldati russi morti in Ucraina, come quello del tenente senior Alexander Lazarenko. Questo il messaggio: «Con rammarico vi informiamo che nel corso di un'operazione militare speciale, mentre svolgeva il servizio militare, è morto il tenente senior Lazarenko Alexander Alexandrovich. Come parte del gruppo tattico, Alexander ha guidato il personale della compagnia di pontili durante il dispiegamento e la costruzione della traversata sul fiume Desna nella regione di Chernihiv in Ucraina».

«Dopo aver completato con successo il compito - si legge ancora - ha assicurato l'avanzamento delle forze armate della Federazione russa per l'ulteriore adempimento dei compiti assegnati, ma quando è stato colpito dai colpi di mortaio dalle forze armate ucraine, ha ricevuto ferite incompatibili con la vita ed è morto». La comunicazione si conclude con la notizia che gli verrà assegnato un riconoscimento postumo: l'Ordine del Coraggio.

Ai genitori è stata data - «per la conservazione eterna» - la bandiera che copriva la bara.

© RIPRODUZIONE RISERVATA