Siria, la Turchia dà l'ok all'offensiva: ​11 morti. Via libera alle truppe. Ue e Berlino: Erdogan si fermi

Mercoledì 9 Ottobre 2019
4
Siria, Turchia pronta all'invasione con 23mila uomini. «Offensiva al via stanotte»

L'operazione militare della Turchia contro le forze curde nel nord-est della Siria è cominciata. Ad annunciarlo è stato lo stesso presidente turco Recep Tayyip Erdogan e si contano finora 11 morti di cui 8 civili. Bombardamenti sono stati registrati nelle località frontaliere di Mishrife e Ras al Ayn. L'artiglieria turca ha iniziato a colpire obiettivi delle forze curde dell'Ypg anche a Tal Abyad

Al confine sono ammassati con decine di blindati almeno 5 mila soldati delle forze speciali d'assalto, cui si affiancheranno 18 mila combattenti arabi e turcomanni dell'Esercito siriano libero cooptati da Ankara. Il loro intervento, spiegano fonti militari, avverrà appena saranno eliminati i «rischi» tuttora presenti, come dimostrato dai colpi di mortaio sparati stasera verso le località frontaliere turche di Ceylanpinar e Nusaybin.

Migranti, ora rischiamo di accogliere anche chi sbarca in Grecia
Tensione Turchia-Siria, la questione dei curdi: un popolo alla ricerca dell'indipendenza

«Caccia turchi hanno lanciato raid su aree civili. C'è grande panico fra la popolazione nella regione», ha twittato un portavoce dei combattenti curdi nel nord della Siria. Le autorità curdo-siriane hanno annunciato una «mobilitazione e allerta generali in tutto il nord-est siriano per difendersi». «Tutte le componenti del nostro popolo» sono invitate «a dirigersi verso la zona frontiera con la Turchia per compiere il loro dovere morale di resistenza in questo momento storico e delicato», recita un comunicato.

«Le forze militari turche hanno colpito finora 181 postazioni appartenenti alle organizzazioni terroristiche nel nordest della Siria come parte dell'Operazione Fonte di pace» scattata oggi contro i curdi. Lo annuncia il ministero della Difesa turco, citato dall'agenzia Anadolu, riferendosi alle forze curde che la Turchia giudica appunto «terroristi».

«L'offensiva terrestre delle forze turche è stato respinto dai combattenti dell'Sdf a Tal Abyad». Lo riferisce su Twitter il portavoce dell'Sdf, le Forze democratiche siriane dominate dalle milizie curde Ypg, Mustafa Bali, poco dopo l'annuncio di Ankara dell'inizio dell'offensiva di terra.
 

 

Boris Johnson e Donald Trump condividono «una seria preoccupazione per l'invasione della Turchia nel nord est della Siria». Lo sottolinea Downing Street in una nota in cui dà conto di una telefonata fra il premier britannico e il presidente americano. Telefonata nella quale, secondo Londra, è stato evidenziato anche «il rischio di una catastrofe umanitaria» a causa dell'azione di Ankara contro le milizie curde. I leader hanno discusso pure di dazi e del caso d'una diplomatica Usa sfuggita alla giustizia britannica.

Sul conflitto commerciale innescatosi fra Usa ed Europa a proposito della disputa Airbus-Boeing, Johnson si è detto «deluso» dall'annuncio di Washington di dazi contro l'Ue e il Regno Unito in particolare, deplorando «i danni» che questa ritorsione causerà a industrie britanniche «come quella dello Scotch Whisky», si osserva nel comunicato di Downing Street. Quanto alla vicenda di Anne Sacoolas, una donna americana moglie di un funzionario del Dipartimento di Stato di stanza in una base militare nel Regno, fatta rientrare oltreoceano con la copertura dell'immunità diplomatica dopo aver investito e ucciso alla guida di un'auto un 19enne inglese, Harry Dunn, il primo ministro ha chiesto che gli Usa «riconsiderino la loro posizione». E facciano rientrare la fuggitiva in Gran Bretagna per affrontare le indagini di polizia e un processo. Trump da parte sua ha espresso cordoglio per il dolore della famiglia della vittima, ma si è limitato per ora a promettere di «cercare una soluzione al più presto» assieme a Johnson.

Donald Trump ha detto di sperare che il presidente turco «agisca in modo razionale» e «umano» in Siria. «Vedremo come conduce questa operazione, se lo fa in modo ingiusto pagherà un prezzo economico enorme», ha ribadito. 

Gli ambasciatori in Turchia dei Paesi membri del Consiglio di sicurezza dell'Onu sono stati invitati al ministero degli Esteri di Ankara per essere aggiornati sugli sviluppi dell'operazione militare. «Sono stato appena informato dell'iniziativa unilaterale della Turchia sulla quale non posso che esprimere preoccupazione». Così il presidente del Consiglio Giuseppe Conte in conferenza stampa con il Segretario Generale della Nato, Jens Stoltenberg, a Palazzo Chigi.

Nell'offensiva saranno impegnati cinquemila soldati delle forze speciali della Turchia e almeno 18mila combattenti di milizie locali dell'Esercito siriano libero (Esl). Abdelrahman Ghazi Dadeh, portavoce di Anwar al-Haq, una milizia dell'Esl, precisa che 10 mila saranno impiegati a Ras al-Ayn e gli altri a Tal Abyad, le due postazioni frontaliere evacuate dai soldati Usa.

Almeno due colpi di mortaio sono stati sparati dalla Siria verso il confine turco a Ceylanpinar, dove sono ammassati i soldati turchi e le milizie siriane filo-Ankara pronti a entrare in Siria per l'operazione militare contro i curdi. Lo riporta Anadolu, secondo cui non ci sono stati feriti. Ceylanpinar si trova di fronte a Ras al-Ayn, bombardata nei minuti scorsi dai caccia di Ankara.
 


«L'operazione» militare che la Turchia condurrà nel nord-est della Siria «si svolge nel quadro del diritto internazionale» e degli «accordi dell'Onu», ha sostenuto il ministro degli Esteri turco Mevlut Cavusoglu in una conferenza stampa dall'Algeria. «Sosteniamo l'integrità territoriale della Siria», ha assicurato il ministro, insistendo sul fatto che l'incursione è un diritto di Ankara per difendere la sicurezza dei suoi confini.

GLI APPELLI DI UE E GERMANIA
«Chiedo con forza alla Turchia di interrompere immediatamente ogni azione militare» nel nord della Siria. Così il presidente del Parlamento europeo, David Sassoli. «C'è una popolazione che ha già sofferto duramente. Non dobbiamo metterla in condizioni di avere altre sofferenze. Si fermi questo intervento, non sarà mai una soluzione ai problemi che abbiamo». «La comunità internazionale, l'Unione europea, le sue istituzioni chiedono che questo intervento si fermi e si discuta anche la possibilità di una zona cuscinetto di sicurezza, ma questo certamente va fatto nella pace, nella stabilità e nel dialogo», conclude Sassoli.

Analogo appello è stato lanciato da Berlino: «Ci appelliamo alla Turchia affinché ponga fine alla sua offensiva e persegua i propri interessi di sicurezza per vie pacifiche», ha detto il ministro degli esteri tedesco Heiko Maas, secondo quanto riportano diversi media tra cui il sito del settimanale Stern. Così facendo la Turchia mette in conto di «destabilizzare ulteriormente la regione» e rischia di rafforzare l'Isis, ha affermato il ministro sostenendo che l'intervento minaccia di «causare un'ulteriore catastrofe umanitaria e un nuovo movimento di profughi».
 


«Sono stato appena informato dell'iniziativa unilaterale della Turchia sulla quale non posso che esprimere preoccupazione», ha detto il presidente del Consiglio Giuseppe Conte in conferenza stampa con il Segretario Generale della Nato, Jens Stoltenberg, a Palazzo Chigi. «Seguo con apprensione gli ultimi eventi nel nord-est della Siria. Esortiamo la Turchia a desistere subito dall'iniziativa militare unilaterale che può nuocere alla stabilità regionale e compromettere la lotta a Daesh. Va scongiurato il rischio di altre sofferenze alla popolazione». Così su Twitter il presidente del Consiglio, Conte.

GLI USA
«Le stupide guerre senza fine, per quanto ci riguarda, stanno finendo!», ha scritto Donald Trump su Twitter dove conferma che 50 soldati Usa sono stati titirati dal nord della Siria dove si attende l'offensiva turca contro le milizie curde. «Gli Usa non avrebbero dovuto mai essere in medio Oriente», aggiunge, ribadendo come ora «la Turchia dovrà prendere il controllo dei combattenti dell'Isis catturati e che l'Europa non ha voluto riprendere».
 


Pattuglie militari statunitensi sono state avvistate al confine tra Siria e Turchia, a est dell'Eufrate, nel distretto di Kobane/Ayn Arab, riferiscono testimoni oculari citati da media siriani. Secondo le fonti, le pattuglie militari Usa sono presenti come forza di interposizione in caso di un eventuale tentativo delle forze turche di varcare il confine nei pressi di Kobane. L'obiettivo del pattugliamento americano non è però confermato. L'area di Kobane è fuori dal «meccanismo di sicurezza» su cui Stati Uniti e Turchia si sono messi d'accordo assieme alle forze curdo-siriane ad agosto scorso.

Intanto l'Isis ha oggi rivendicato una serie di attacchi compiuti contro forze curdo-siriane nel nord-est della Siria. Lo riferisce l'Osservatorio nazionale per i diritti umani in Siria, secondo cui lo 'Stato islamico' ha ammesso tramite i suoi canali sui social network la responsabilità di attacchi compiuti nelle ultime 24 ore contro basi e postazioni curde e Raqqa e nella città di Tabqa, sull'Eufrate.

LA RUSSIA
«Alla luce dei piani per condurre un'operazione militare nel nord-est della Siria annunciato dalla Turchia Vladimir Putin ha invitato i partner turchi a riflettere attentamente sulla situazione in modo da non compromettere gli sforzi congiunti per risolvere la crisi siriana», riporta il Cremlino dando comunicazione di una conversazione telefonica tra il presidente russo e il suo omologo Recep Tayyip Erdogan. Lo riporta la Tass.

L'IRAN
«Le preoccupazioni della Turchia rispetto ai suoi confini meridionali sono legittime», ma dovrebbe agire con moderazione ed evitare un intervento militare in Siria, ha detto il presidente iraniano Hassan Rohani, citato dall'Irna. «Crediamo che occorra seguire un percorso corretto per eliminare queste preoccupazioni» di Ankara. «Le truppe americane devono lasciare la regione» e «i curdi in Siria» devono «sostenere l'esercito siriano» di Bashar al Assad, che dovrebbe prendere il controllo del nord-est del Paese al confine turco, ha spiegato Rohani. 

L'esercito dell'Iran ha avviato un'esercitazione militare nel nord-ovest del Paese al confine con la Turchia. Lo riporta l'agenzia Tasnim. Le attività, che non erano state annunciate pubblicamente, si svolgono mentre le forze armate di Ankara si preparano a compiere l'annunciata operazione militare contro le milizie curde. L'esercitazione dal nome in codice 'Un obiettivo, un colpo' si svolge nella provincia dell'Azerbaigian occidentale, circa 620 km a nord-ovest di Teheran, e coinvolge unità di reazione rapida, brigate d'assalto ed elicotteri.

Ultimo aggiornamento: 10 Ottobre, 09:39 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Termini, la brutta cartolina della fila chilometrica per i taxi

di Mauro Evangelisti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma