SILVIA ROMANO

Silvia Romano, il retroscena. «Governo keniota perse tempo dopo il rapimento, decisivo vertice a luglio»

Lunedì 11 Maggio 2020
Silvia Romano, il retroscena. «Il governo keniota perse tempo dopo il rapimento, decisivo vertice a luglio»

«Lo scambio è avvenuto l'8 maggio in una zona a 30 chilometri da Mogadiscio. La giovane donna è arrivata indossando i tradizionali abiti delle donne somale ed è apparsa in buona salute». È quanto afferma il quotidiano keniota The Nation, tracciando un retroscena della varie fasi dell'indagine e della trattativa sfociata nel rilascio di Silvia Romano. In particolare, fu decisivo un un incontro dello scorso luglio a Roma, tra i vertici della giustizia kenioti e quelli della Procura romana dove si sono gettate le basi per la liberazione della giovane.

Silvia Romano, per la trattativa un milione e mezzo: il 23 aprile la prova che era viva

Per la parte keniota parteciparono all'incontro il director of Public Prosecution Noordin Haji e il director of Criminal Investigations George Kinoti. Per la parte italiana, scrive The Nation, erano presenti, tra gli altri, l'allora procuratore generale di Roma Giovanni Salvi e il pm incaricato delle indagini sul rapimento, Sergio Colaiocco. Nell'incontro venne deciso l'invio di un team di specialisti italiani dell'anti terrorismo in Kenya, per assistere nelle indagini, che sarebbero comunque rimaste nelle mani dell'ufficio guidato da Kinoti. È questo team italiano ad aver scoperto che la Romano era stata trasferita in Somalia.

Silvia Romano: «Il mio nome è Aisha, sono pronta a tornare in Kenya»
 

 

Da quel momento, scrive The Nation, sono stati avviati i tentativi di entrare in contatto con i rapitori. Secondo la ricostruzione dell'emittente News 1, che coincide con quella dei media italiani, i negoziati per la liberazione della cooperante sono stati avviati a gennaio, dopo la comparsa di un video nel quale la Romano affermava di essere in buone condizioni. «Da allora - afferma News 1 - sono trascorsi altri tre mesi di faticose trattative e durante i quali è stato autorizzato il pagamento di un riscatto». 

Silvia Romano, padre Latorre: «Senza abbracciare l'Islam non sarebbe riuscita a sopravvivere»

The Nation sottolinea che dopo che la Romano venne prelevata da uomini armati dal villaggio di Chakama, nella contea di Kilifi, la polizia keniota ha effettuato tre arresti. Si tratta di Ibrahim Omar, Abdulla Wario e Moses Liwali. La loro vicenda è ancora in tribunale. Altri due sospettati, Yusuf Kuno Adan e Said Adan Abdi, per i quali è stata stabilita una taglia di 1 milione di scellini, sono ancora in fuga. La Romano, è stato stabilito, è stata venduta agli Shabaab subito dopo il rapimento. Per The Nation è stata una «combinazione di errori e ritardi» da parte del governo keniota nelle ore immediatamente successive al rapimento a consentire ai sequestratori di raggiungere la contea di Garissa, prima di attraversare il confine con la Somalia. Per prima cosa, la polizia arrivò nel villaggio di Chakama almeno due ore dopo il rapimento. L'elicottero usato per le ricerche non si alzò in volo prima del giorno successivo. Soprattutto, ricorda The Nation, il governo keniota nelle settimane successivo continuò a fornire rassicurazioni sul fatto che la Romano si trovasse ancora in Kenya e che i tentativi per la sua liberazione stavano proseguendo, fino a quando la pista seguita non fornì più alcuna indicazione.
 


Silvia Romano: «Sto bene, ora voglio stare con la mia famiglia»

Ultimo aggiornamento: 12 Maggio, 01:13 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani