​Shoigu riappare in tv dopo le voci di un infarto: «Raggiunti obiettivi prima fase, ora liberiamo il Donbass»

Shoigu riappare in tv dopo le voci di un infarto: «Raggiunto obiettivi prima fase, ora liberiamo il Donbass»
3 Minuti di Lettura
Martedì 29 Marzo 2022, 12:59 - Ultimo aggiornamento: 13:47

Il ministro della Difesa russo Sergei Shoigu è riapparso in tv per una apparizione pubblica per la prima volta da metà marzo. La sua presenza emerge a distanza di pochi giorni dalle voci di un giallo che ruotavano attorno alla sua scomparsa. Da Kiev è stato rivelato che il ministro fosse stato colpito da infarto, in altre occasioni si è parlato di non chiari problemi cardiaci o di una punizione inflitta da Putin nei suoi confronti per il fallimentare andamento della guerra in Ucraina.

Shoigu, l'intervento in teleconferenza

«Nel complesso, i principali obiettivi della prima fase di questa operazione sono stati raggiunti. Il potenziale di combattimento delle Forze Armate ucraine è stato notevolmente ridotto, il che ci permette di concentrare l'attenzione e i nostri sforzi principali sul raggiungimento dell'obiettivo primario, cioè la liberazione del Donbass». Le parole di Sergei Shoigu pronunciate in una teleconferenza, come riporta la Tass. «La superiorità aerea è stata raggiunta. Le forze aeree e la rete di difesa aerea sono state praticamente distrutte», ha detto Shoigu.

Lavrov: «Sciocchezze e bugie»

«Sciocchezze e bugie». Così il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov ha liquidato nei giorni scorsi le voci su un possibile golpe contro Vladimir Putin e sulla scomparsa per giorni dalla scena pubblica del ministro della Difesa Sergei Shoigu, che alcuni fonti darebbero malato. «Non voglio commentare sciocchezze. Perché questa è esattamente l'assurdità che i servizi ucraini stanno diffondendo, insieme ai neoliberali russi che vivono all'estero», ha denunciato Lavrov in un'intervista ai media serbi. «Tutto questo è una bugia assoluta - ha continuato il capo della diplomazia di Mosca - Sono tutti vivi, tutti sani, lavorano tutti. L'intero governo sta lavorando, l'intera amministrazione presidenziale sta lavorando sulla base degli interessi del nostro paese».

La tesi dell'infarto

Il viceministro dell'Interno ucraino Anton Gerashchenko, due giorni fa, ha scritto su Facebook che Sergei Shoigu, ministro russo della Difesa, è stato colpito da un infarto a metà marzo e per questo non è apparso ad eventi pubblici fino alla sua comparsa in tv per pochi istanti ieri sullo schermo di una videoconferenza con il presidente russo Vladimir Putin. L'affermazione non può essere verificata indipendentemente, scrive il Guardian. Prima della breve ricomparsa di Shoigu, voci che lo riguardavano parlavano di una sua punizione per la campagna militare fallimentare in Ucraina, o per la mancata cattura di Kharkiv o Kiev. Agentstvo, un sito di news indipendente russo, aveva citato in precedenza una fonte anonima che riferiva di problemi cardiaci di Shoigu.

© RIPRODUZIONE RISERVATA