Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Sada, il serial killer più giovane del mondo: a 8 anni ha ucciso tre bambini. Ora è latitante: «Sadico, trae piacere a infliggere dolore»

Il baby-assassino ha ucciso a colpi di mattone una neonata del suo quartiere dopo aver ammazzato una cugina e la sorellina di otto mesi

Sada, il serial killer più giovane del mondo: a 8 anni ha ucciso tre bambini. Ora è latitante: «Sadico, trae piacere a infliggere dolore»
3 Minuti di Lettura
Sabato 23 Luglio 2022, 18:50 - Ultimo aggiornamento: 25 Luglio, 09:12

Attualmente è latitante. È ritenuto essere il più giovane serial killer al mondo: a soli 8 anni aveva già massacrato tre persone. Adesso è sparito nel nulla. Al momento della sua cattura, uno psicologo lo definì un «sadico che trae piacere dall'infliggere dolore negli altri». È la storia, che arriva dall'India, di Amarjeet Sada, nato nel 1998 che appena fanciullo aveva ucciso tre bambini, inclusi due membri della sua stessa famiglia.

Spagna nel terrore per il killer di Bilbao. «Adesca uomini su app gay e li droga prima di ucciderli». Otto le vittime

Il serial killer più giovane al mondo

I suoi crimini atroci sono stati consumati tra il 2006 e il 2007, quando aveva tra i sette o gli otto anni. Mosso da una follia omicida che ha portato Sada ad essere definito il serial killer più giovane del mondo. Nel 2006 uccise sua cugina di 6 anni e il baby-killer  sia anche il responsabile della morte di una sua sorellina, ammazzata  ancora in fasce, quando aveva solo otto mesi. Secondo quanto raccontato lo zio di Sada - come riportano i media inglesi - alcuni membri della sua famiglia presumibilmente sapevano dei primi due omicidi, ma non gli avrebbero mai denunciati perché definiti «questioni di famiglia».

L'ultima atrocità

La sua ultima e più giovane vittima è stata una bambina di sei mesi: Kushboo, una neonata che viveva nel quartiere. La madre della bimba ha riferito alla polizia di averla lasciata a dormire da sola in una scuola elementare, ma quando è tornata era scomparsa. È stata avviata una ricerca per trovarla, ma poche ore dopo Sada ha ammesso liberamente di averla presa, colpita a mattonata e strangolata a morte. Sada è stato preso in custodia dalla polizia dove, secondo quanto riferito, non ha mostrato alcun rimorso.

Niente carcere e latitanza

Secondo la legge indiana un bambino non può essere incarcerato o condannato a morte. Era "detenuto" in un orfanotrofio, nella città di Munger nel Bihar, ma è dal 2016 che è sparito e non si sa dove si trovi attualmente.

© RIPRODUZIONE RISERVATA