CORONAVIRUS

Francia, 70 scuole di nuovo chiuse per il Covid a una settimana dalla fine del lockdown. Parigi minimizza

Lunedì 18 Maggio 2020
Francia, 70 scuole di nuovo chiuse per casi di Covid a una settimana dalla fine del lockdown

Settanta scuole materne e elementari della Francia sono state richiuse dopo la scoperta di casi di coronavirus a una settimana dalla fine del lockdown, l'11 maggio scorso: «Su 40.000 scuole riaperte, ci sono 70 casi di Covid-19. Dei casi che si sono dichiarati quasi ogni volta fuori dalle mura scolastiche», ha dichiarato il ministro dell'Istruzione, Jean-Michel Blanquer, intervistato questa mattina ai microfoni di radio RTL, aggiungendo: «Queste chiusure sono la dimostrazione del fatto che siamo rigidi» sulla sicurezza degli alunni tornati in classe nonostante il nemico invisibile ancora in circolazione in Francia come nel resto dell'Europa. Il ministro ha lungamente insistito sul fatto che si tratta comunque di casi minoritari. 

LEGGI ANCHE --> Premier League pronta a ripartire: da domani in campo per gli allenamenti in piccoli gruppi

«È una percentuale molto bassa, spesso nella stessa cittadina», ha detto a metà giornata durante una missione nel dipartimento dell'Eure, insistendo sul fatto che «si tratta semplicemente di prudenza e applicazione del più rigido protocollo sanitario». Secondo Radio Europe 1, i casi riguarderebbero in maggioranza professori, direttori e personale amministrativo. Il fedelissimo del presidente Emmanuel Macron ha aggiunto che questi 70 casi non rimettono in alcun modo in discussione la volontà di Parigi di andare avanti con la riapertura progressiva delle scuole promossa in Francia già dalla fine del confinamento puro e duro. Tutto il contrario dell'Italia che invece ha deciso di non riaprire almeno fino a settembre. Ma secondo Blanquer «le conseguenze del non andare a scuola sono molto più gravi».

Un riferimento, in particolare, a quei tanti studenti che magari vivono in condizioni sociali difficili o di emarginazione che rischierebbero di perdere un solido punto di riferimento come la scuola. Nella materna Willy Brandt di Elancourt, nell'hinterland parigino, le porte sono rimaste chiuse questa mattina per una ventina di ragazzi. Motivo? Uno di loro, 4 anni, aveva avuto una lieve febbre questo fine settimana. «Il bambino aveva 38,1. Questo ci ha allertato e abbiamo attivato il dispositivo» di sicurezza anti-virus, ha spiegato il sindaco Jean-Michel Fourgous, citato da France 3. La materna ha quindi chiuso le porte, in attesa dei risultati dei test sul bimbo e della sua famiglia. In una scuola di VilleDieu è stato invece un adulto a far scattare l'allarme per la febbre alta. Sul posto, i responsabili del comune spiegano che a prevalere è sempre e soltanto il principio di precauzione. «Anche se riaprire e richiudere in questo modo non è semplice e molto costoso», commentano sul posto.
 

Ultimo aggiornamento: 19 Maggio, 07:31 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani