Mette dei massi in cerchio come a Stonehenge e beffa tutti, oggi rivela: «L'ho fatto io negli anni Novanta»

Mette dei massi in cerchio come a Stonehenge e beffa tutti, oggi rivela: «L'ho fatto io negli anni Novanta»
di Giampiero Valenza
2 Minuti di Lettura

Un sito preistorico? Macché. Il proprietario, negli anni Novanta, si era divertito a mettere i massi in cerchio, proprio come a Stonehenge. Così, quel sito scozzese che aveva fatto gridare di gioia l’amministrazione del territorio, ora torna nella sua normalità: un campo con sassi attorno.

Nell’Aberdeenshire l’Area di consiglio (una delle suddivisioni amministrative della Scozia), aveva fatto i salti di gioia per il ritrovamento. Tanto che all’epoca scrisse sul suo sito: "Questo nuovo straordinario sito si aggiunge alla nostra conoscenza di questi monumenti unici e dell'archeologia preistorica della zona, ed è raro che questi siti non restino identificati per così tanto tempo, specialmente in condizioni così buone”, scriveva Neil Ackerman, assistente storico dell’Area di consiglio dell'Aberdeenshire. 

“L’eccitazione si è trasformata in imbarazzo a gennaio”, scrive la Cnn che riporta la notizia sul suo sito, quando l'ex proprietario della fattoria in cui è stato trovato il cerchio ha dichiarato di aver costruito lui stesso quel cerchio di pietre, negli anni Novanta. Svelato dunque il segreto sul perché quel sito non era mai stato identificato come archeologico. 

Così dall’Area di consiglio dell’Aberdeenshire hanno spiegato la situazione sul loro sito istituzionale. “Quello che si pensava fosse un cerchio di pietre appena identificato, vecchio di migliaia di anni, dopo ulteriori ricerche si è rivelato essere una copia di soli due decenni”, si legge. E Neil Ackerman, che ha ammesso la delusione, ha commentato: "Questi tipi di monumenti sono notoriamente difficili da datare – ha proseguito - Per questo motivo includiamo tutte le repliche moderne di monumenti antichi nei nostri archivi nel caso in cui vengano in seguito identificati erroneamente”.

Martedì 22 Gennaio 2019, 19:07
© RIPRODUZIONE RISERVATA