Trova lo scheletro del padre nel seminterrato: era scomparso 57 anni fa

Venerdì 2 Novembre 2018 di Federica Macagnone
3
Da due giorni ci sono mille domande che frullano insistentemente nella testa di Mike Carroll, un 57enne di Long Island che insieme ai due figli ha appena ritrovato, sepolto sotto il seminterrato di casa sua, lo scheletro di suo padre George, sparito misteriosamente nel 1961 quando lui aveva solo otto mesi. Ma fra tutte quelle domande ce ne sono due che sono le più dolorose di tutte: innanzitutto, perché sua madre Dorothy, che ormai è morta da vent'anni, era sempre molto evasiva quando i figli le chiedevano lumi sulla misteriosa sparizione del marito? E poi, perché all'epoca la scomparsa non fu segnalata alla polizia, nei cui registri non c'è traccia alcuna di quella vicenda? Quesiti destinati probabilmente a restare senza una una risposta e che forse non abbandoneranno mai la mente di Mike.

George Carroll, veterano della guerra in Corea, sei anni dopo essersi trasferito con la moglie a Lake Grove, nello Stato di New York, sparì senza lasciare traccia nel 1961, quando i suoi figli avevano nove, sette e cinque anni e il piccolo Mike solo otto mesi. Dorothy non raccontò mai precisamente i dettagli della scomparsa: con i figli si limitava a dire che il padre un giorno era uscito per fare qualcosa e non era mai più tornato. «Alla fine - racconta Mike - non so come cominciò a circolare tra noi fratelli una specia di macabra leggenda metropolitana, secondo la quale mio padre era stato sepolto nel seminterrato di casa. Nella mia testa ho sempre pensato che un giorno lo avrei trovato, e quando nel 1998 mia madre è morta ho cominciato a pensare che prima o poi mi sarei messo a scavare». Mike ha cominciato a farlo tre anni fa, ma poi ha dovuto interrompere le operazioni per questioni di sicurezza. Recentemente, grazie a una tecnologia più avanzata,  ha potuto riprendere i lavori per scansionare in profondità la terra sotto la sua proprietà. 

L'ora x è scoccata alle 14 di mercoledì scorso: mentre la città si preparava a festeggiare la notte di Halloween, Mike e i suoi figli hanno trovato quello scheletro di cui si favoleggiava da 57 anni. «Sono contento di esserci riuscito - dice Mike - che questa vicenda sia finita e di non avere più il pensiero di dover distruggere la mia casa per riuscire a trovare mio padre». Contento anche suo fratello maggiore Steven: «Mi sento benissimo, ora che mio padre è stato liberato da quel buco schifoso: Ora voglio che venga sepolto  al Calverton National Cemetery di New York, voglio che riceva tutti gli onori che merita un soldato, che gli sia ridata la dignità che merita».

«Mi sono anche fatto un'idea di chi possa essere il responsabile della sua morte - conclude Mike - ma in ogni caso si tratterebbe di una persona morta da tanto tempo e io non ho intenzione di fare indagini per capire se ho ragione, voglio lasciarmi tutto alle spalle». Sempre che ci riesca. Anche perché il medico legale, insieme al test del dna necessario per confermare che lo scheletro è quello di George Carroll, determinerà anche la causa della morte. E quel giorno potrebbero riaffacciarsi antichi fantasmi. Ultimo aggiornamento: 3 Novembre, 11:35 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Chiamare il 112 svedese e scoprire che è peggio di quello di Roma

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma