Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Russia, minacce alla Lituania: «Annullare l'atto di indipendenza dall'Urss»

Russia, il parlamento minaccia di revocare l'indipendenza della Lituania
2 Minuti di Lettura
Giovedì 9 Giugno 2022, 13:36 - Ultimo aggiornamento: 21:58

Il parlamento russo attacca l'indipendenza della Lituania. In un comunicato diffuso da un'agenzia di stampa russa allineata al Cremlino si legge che: «Il vice Fedorov ha presentato alla Duma di Stato un progetto riguardante l'annullamento del decreto del Consiglio di Stato dell'URSS sul riconoscimento dell'indipendenza della Repubblica di Lituania».  

 

La Lituania è indipendente dal 1991

L'indipendenza della Lituania è stata riconosciuta (insieme a quella di Lettonia e Estonia) il 6 settembre 1991 alla riunione del Consiglio di Stato dell'URSS presieduta da Mikhail Gorbachev. Il processo di indipendenza è stato lungo e difficile e ha comportato anche diverse vittime civili, perchè le forze armate sovietiche hanno cercato più volte di reprimere i movimenti popolari per l'autonomia. 

Linea dura contro Mosca 

Sin dall'inizio del conflitto la Lituania ha sempre sostenuto una linea dura contro Mosca per quanto riguarda le sanzioni europee. Sostiene inoltre la decisione dell'Ucraina di aderire all'UE e sta fornendo supporto militare a Kiev a cui ha inviato armi pesanti e mortai.  La Lituania ha anche suggerito di creare una coalizione navale per revocare il blocco russo e riprendere l'esportazione di grano ucraino. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA