Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Ucraina, la più grande centrale nucleare è circondata dai russi: l'allarme dell'Onu

È il secondo sito più grande d'Europa: ospita sei dei 15 reattori del Paese

Ucraina, la più grande centrale nucleare è circondata dai russi: l'allarme dell'Onu
5 Minuti di Lettura
Giovedì 3 Marzo 2022, 14:35 - Ultimo aggiornamento: 17:17

L'organismo di vigilanza nucleare delle Nazioni Unite ha espresso preoccupazione dopo che le forze russe hanno affermato di aver circondato la più grande centrale nucleare dell'Ucraina e chiesto che i suoi lavoratori siano lasciati soli a svolgere il proprio lavoro. Rafael Grossi, direttore generale dell'Agenzia internazionale per l'energia atomica (AIEA), ha affermato che il governo russo ha informato l'agenzia che le sue truppe hanno preso il controllo dell'area intorno allo stabilimento di Zaporizhzhia nel sud-est dell'Ucraina, la seconda più grande d'Europa, che ospita sei dei 15 reattori del paese. 

 

Nella loro lettera all'AIEA , i funzionari russi hanno insistito sul fatto che il personale ucraino dell'impianto stava continuando a «lavorare per fornire sicurezza nucleare e monitorare le radiazioni nel normale funzionamento». 

 

Tuttavia, l'impresa statale ucraina che gestisce l'industria nucleare del paese, Energoatom, ha accusato l'esercito russo di «terrorizzare apertamente i dipendenti della stazione».  Il filmato condiviso sui social media da un funzionario ucraino mostrava folle di ucraini che formavano una barriera tra le forze russe e la centrale nucleare, bloccandone l'avanzata. Il funzionario del ministero degli interni, Anton Gerashchenko, ha dichiarato in un post su Facebook : «Generali russi, cambiate idea! Non creare le condizioni per la nuova Chernobyl! Le radiazioni non conoscono nazionalità, non si risparmia nessuno! Fai il giro di Energodar e Zaporizhzhya».

 

L'Ucraina ha chiesto all'AIEA di dichiarare una zona sicura di 30 km intorno alle quattro centrali nucleari dell'Ucraina. Grossi ha dichiarato al consiglio di amministrazione dell'AIEA riunito a Vienna: «È di fondamentale importanza che il conflitto armato e le attività sul terreno intorno alla centrale nucleare di Zaporizhia e qualsiasi altro impianto nucleare dell'Ucraina non interrompano o mettano in pericolo in alcun modo gli impianti o le persone che lavorano a e intorno a loro».

Grossi ha anche espresso preoccupazione per un rapporto della SNRIU secondo cui, da quando i russi hanno rilevato l'impianto di Chernobyl, luogo del disastro del 1986 nell'Ucraina nord-occidentale vicino al confine con la Bielorussia, al personale non era stato permesso di tornare a casa. Il vice inviato degli Stati Uniti presso l'AIEA, Louis Bono, ha dichiarato: «Il personale ucraino del sito non è stato autorizzato a partire ed è stato costretto a lavorare su più turni. Questo ulteriore stress sul personale che svolge compiti critici mette ulteriormente a repentaglio la sicurezza del sito e del pubblico».

Nelle sue osservazioni Grossi ha affermato: «È della massima importanza che il personale che lavora presso lo stabilimento di Chernobyl sia in grado di svolgere il proprio lavoro in modo sicuro ed efficace e che il loro benessere personale sia garantito da coloro che ne hanno preso il controllo». I resti del nucleo del reattore esploso nel 1986 sono sepolti sotto il cemento nel sito e ci sono anche strutture di stoccaggio del combustibile esaurito e una grande quantità di polvere radioattiva nel terriccio dell'area circostante. La movimentazione del suolo da parte dei veicoli militari russi ha causato picchi di radiazioni. In una dichiarazione, Energoatom ha dichiarato: «Essendo nella zona di esclusione ora e apparentemente non avendo le capacità per garantire la sicurezza personale quando lavorano in aree contaminate radioattivamente, gli invasori sono esposti a significative radiazioni esterne ed interne, che si manifesteranno senza dubbio sotto forma di cancro»

Domenica, le autorità ucraine hanno affermato che i missili russi hanno colpito il sito di un impianto di smaltimento dei rifiuti radioattivi a Kiev. Il giorno prima, un trasformatore elettrico in un altro deposito di rifiuti a Kharkiv è stato danneggiato. In entrambi i casi non si sono verificati rilasci radioattivi, ma gli incidenti hanno evidenziato la potenziale minaccia di un disastro ecologico a causa di una guerra in corso in un paese con una vasta industria nucleare. L'American Nuclear Society (ANS), un'associazione di professionisti del settore, sta cercando di inviare supporto materiale in Ucraina per aiutare i lavoratori nucleari lì. «Il personale delle centrali nucleari ucraine deve essere in grado di svolgere i propri compiti senza interruzioni, pressioni indebite o paura di essere ucciso o ferito», ha affermato l'ANS in una nota. «I lavoratori nucleari ucraini hanno bisogno di riposo tra un turno e l'altro, l'accesso alle loro case e la tranquillità che i loro cari siano al sicuro». Il presidente della società, Steven Nesbit, ha affermato di sperare che gli invasori russi fossero consapevoli dei pericoli di un incidente nucleare. «Tutto quello che posso dire è che è difficile credere che non avrebbero una sensibilità per i problemi qui», ha detto Nesbit. 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA