Rissa in spiaggia a colpi di sdraio e lettini: e il comune inglese li vieta

Risse in spiaggia a colpi di sdraio: e il comune inglese le vieta
di Chiara Bruschi
4 Minuti di Lettura
Sabato 21 Agosto 2021, 08:12 - Ultimo aggiornamento: 22 Agosto, 14:37

Bournemouth, località balneare molto nota del sud dell'Inghilterra, ha dovuto rinunciare alle sdraio e ai lettini in spiaggia. Il comune ha infatti deciso di interrompere il noleggio delle seggiole così tanto utilizzate durante la stagione estiva per evitare che venissero usate come armi durante le risse. Le classiche sedute gialle e blu, parte integrante del pittoresco panorama di Bornemouth da oltre un secolo, sono già state messe in soffitta. 3500 le sdraio rimosse dalla spiaggia, con una perdita economica per il comune di ben 200mila sterline. Sì, perché avendo deciso di toglierle in piena estate, la cittadina ha dovuto rinunciare agli introiti generati dall'affitto che i bagnanti pagavano durante il loro utilizzo: 3,5 sterline al giorno.

Rissa in spiaggia a colpi di sdraio e lettini: e il comune inglese li vieta


La decisione - La decisione è stata presa in seguito a quanto avvenuto lo scorso anno, quando la spiaggia, affollata a causa delle regole imposte dal Covid che limitavano gli incontri al chiuso, era diventata teatro di scorribande, liti e risse tra bande. Per evitare che situazioni del genere si ripetessero mettendo a rischio lo staff le sdraio sono state tolte. Non tutti sono d'accordo con la decisione e con le motivazioni che sono state avanzate. Vikki Slade, membro liberaldemocratico del consiglio comunale a guida conservatrice, ha sollevato il problema quando alcuni residenti le hanno fatto notare la penuria di lettini e sdraio in riva al mare. Ha chiesto: dove dovrebbero sedersi i turisti? «Mi hanno detto: ci sono 600 panchine vicino al mare quindi ci sono molti posti per sedersi». «Mi aspettavo che il motivo fosse il Covid ha raccontato al Daily Mail ma quello che mi hanno detto non aveva niente a che fare con la pandemia. Hanno sottolineato che a causa dei comportamenti vandalici dello scorso anno temevano che lo staff non fosse al sicuro se qualcuno avesse usato le sdraio come armi durante le risse».


L'incredulità - Vikki Slade ha continuato poi a descrivere la propria incredulità di fronte alla decisione: «Sono mortificata per la scusa che hanno utilizzato. Pensavo stessero scherzando o che qualcuno avesse fatto un errore. Per questo li ho contattati per ben tre volte e in tutte e tre le occasioni mi hanno dato la stessa risposta. Sinceramente non ricordo di aver assistito ad alcuna situazione in cui le persone si stavano picchiando con delle sdraio. E anche se fosse capitato, la soluzione non è togliere le sedie ma aumentare la sicurezza con più polizia che pattuglia la zona della spiaggia».
Le sdraio, lamenta la consigliera, sono un simbolo del paesaggio locale: «Come pensano di attrarre i turisti se non possono essere usate?» ha aggiunto, sottolineando anche come gli introiti mancati avrebbero potuto essere destinati a lavori di riqualificazione, come la ristrutturazione dei bagni pubblici.


Le priorità - Tuttavia, scrive il quotidiano britannico, il comune non ha intenzione di tornare sui suoi passi, almeno per quest'anno: «Abbiamo deciso di non permettere il noleggio di sdraio e lettini quest'anno. La sicurezza e il benessere del nostro staff, dei residenti e dei turisti sono state le nostre priorità nel momento in cui abbiamo preso questa decisione. Purtroppo il Covid ha creato molti problemi lo scorso anno ha spiegato un portavoce al Mail rievocando l'estate scorsa abbiamo avuto le spiagge molto affollate con conseguenti problemi che ci hanno spinto a decidere in questa direzione».
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA