Rapitore di bimbi e donne evade dal carcere e si nasconde tra i monti per 17 anni: un drone lo ritrova

Martedì 1 Ottobre 2019
Rapitore di bimbi e donne evade dal carcere e si nasconde tra i monti per 17 anni: un drone lo ritrova

Era in fuga ormai da 17 anni. Nel 2002 era riuscito a evadere dalla struttura dove stava scontando la pena dei lavori forzati per essere stato condannato con le accuse di rapimento e traffico di esseri umani, nello specifico donne e bambini. A settembre le autorità erano state informate che Song Jian, 63 anni, si trovava, molto probabilmente, in qualche caverna nascosta tra le impervie alture della provincia di Yunnan, nella contea di Yongshan, Cina

LEGGI ANCHE Brasile, arrestato il latitante Nicola Assisi: ecco dove nascondeva le banconote
 


LEGGI ANCHE Roma, latitante catturato all'aeroporto di Fiumicino. Era evaso dal carcere di Pisa
LEGGI ANCHE Arrestato Domenico Crea, il boss della 'ndrangheta era latitante dal 2015: deve scontare 21 anni

Tuttavia la difficile conformazione geografica della zona aveva reso impossibile per le forze dell'ordine setacciarla tutta. Dove non arriva l'uomo però, a volte, arriva la tecnologia. È stato un drone infatti a scoprire il nascondiglio. Le riprese hanno evidenziato la presenza di un accampamento nascosto tra i pendii ricoperti dagli alberi, circondato da spazzatura e altre tracce di presenza umana. Così, gli agenti sono riusciti a localizzare con precisione il latitante che era stato da solo e senza parlare talmente a lungo da non risucire più nemmeno ad articolare una frase. 

LEGGI ANCHE Pjetri Genc, il latitante albanese arrestato a Roma
LEGGI ANCHE Capoverde, arrestato Stefano Marchi tra 100 latitanti più pericolosi del mondo

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Con la febbre in aeroporto non si finisce in quarantena

di Mauro Evangelisti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma