«Hai le unghie con lo smalto, sei sospeso dalla scuola». Rivolta del 17enne: «Io discriminato». E raccoglie 60.000 firme

«Hai le unghie dipinte, sei sospeso dalla scuola». La rivolta del 17enne: raccolte 60.000 firme per farlo rientrare
di Michele Galvani
4 Minuti di Lettura
Mercoledì 9 Dicembre 2020, 10:03 - Ultimo aggiornamento: 12:12

Un adolescente è stato sospeso per essersi presentato a scuola con lo smalto per unghie: è successo in un istituto superiore in Texas. In una petizione online il ragazzo, Trevor Wilkinson, 17 anni, ha specificato che la politica della sua scuola è contro gli studenti maschi che girano con lo smalto per unghie. Siamo alle porte del 2021 e ancora bisogna raccontare queste (tristi) vicende. 

«Sono andato in classe e subito la mia insegnante mi ha mandato nell'ufficio del preside perché secondo lei avevo infranto il codice di abbigliamento», ha raccontato il ragazzo a "Good Morning America". Dopo la sospensione, Trevor ha lanciato una pagina su Change.org, chiedendo di consentire ai maschi di indossare lo smalto per unghie nella sua scuola. Più di 60.000 sostenitori hanno firmato per solidarietà, nella speranza che possa essere riammesso in classe.

«È per rimuovere la discriminazione, il sessismo, l'omofobia, il razzismo nelle piccole città che sentono di poter applicare un codice di abbigliamento o regole che vanno completamente contro il modo in cui le persone si sentono e vanno completamente contro la libertà di espressione e infrangono la legge», ha spiegato Trevor intervendendo al programma.

La Clyde High School, che Trevor frequenta, ha un suo codice di abbigliamento. «L'istituto conduce una revisione diligente e ponderata del codice di abbigliamento su base annuale», ha fatto sapere la scuola in una dichiarazione ufficiale. «Ai genitori e agli studenti viene fornita una copia del codice di abbigliamento prima dell'inizio di ogni nuovo anno scolastico». Domande o dubbi sul codice di abbigliamento vengono esaminati individualmente e la scuola «non può condividere alcuna informazione riguardante uno studente specifico», ha aggiunto nella nota. Come a dire: lui sapeva che stava infrangendo il codice.

Trevor fa parte di una crescente tendenza della cultura pop con uomini - da ASAP Rocky a Harry Styles - che sfoggiano spesso unghie dipinte. In Italia basti pensare a Damiano, il leader dei Maneskin. «Il fatto che adesso mi stia dipingendo le unghie significa molto per me e mostra la mia crescita», si è difeso Trevor. «Non cambierei chi sono per il mondo e sto imparando ad amarmi completamente e a sentirmi a mio agio nella mia pelle e nella mia sessualità e penso che sia una cosa incredibile». Trevor ha annunciato un altro movimento su Instagram, chiedendo ai suoi follower di «sfidare pericolosi stereotipi di genere»,  pubblicando foto delle loro unghie dipinte. «Metti #TeamTrevor», ha scritto sul suo social dove conta più di 38.000 follower.

«Non sono né maschio né femmina»: la lettera di Leo, il bimbo di 10 anni "non-binario"

© RIPRODUZIONE RISERVATA