Bosnia, otto giovani trovati morti asfissiati alla festa di Capodanno

L'arrivo della polizia nel villaggio Posusje, nel sud della Bosnia-Erzegovina, dove sono morti otto giovani
2 Minuti di Lettura
Venerdì 1 Gennaio 2021, 18:25 - Ultimo aggiornamento: 2 Gennaio, 10:19

Una notte tutti insieme, come altre volte avevano fatto, per festeggiare il Capodanno. Otto ragazzi, tra i 18 e i 20 anni, quattro femmine e altrettanti maschi, avevano deciso di brindare in una casa di campagna presso Posusje, nel sud della Bosnia-Erzegovina al confine con la Croazia. Ma stamattina quando alcuni parenti sono andati a cercarli, perché da ore non rispondevano ai cellulari, li hanno trovati tutti morti. Milan Galic, capo del commissariato di polizia regionale, ha detto che secondo i primi accertamenti, a causare la morte dei giovani sarebbero state le esalazioni emanate da un generatore per l'energia elettrica, alimentato a gas. Sei delle otto vittime erano della località di Rakitno, e due di Posusje. Sul dramma indagano polizia e magistratura. Le otto salme saranno trasportate a Mostar dove saranno sottoposte ad autopsia. 

Algeria, 8 neonati morti nell'incendio del reparto maternità di un ospedale

Grado, madre e figlio muoiono asfissiati dal fumo nel loro appartamento in fiamme

Il sindaco del comune di Posušje ha annunciato che il Comune e la Contea dell'Erzegovina occidentale tre giorni di lutto: venerdì, sabato e domenica. «E' una tragedia senza precedenti che ha colpito tutta la nostra regione - dice il primo cittadino - nn ho parole... Non riusciamo a riprenderci. Siamo con le famiglie delle vittime, per tutto ciò di cui hanno bisogno il Comune non si tirerà indietro. Personalmente, conosco alcune di queste famiglie, non so cos'altro dire». 

© RIPRODUZIONE RISERVATA