Putin, le torture dello Zar per far parlare i nemici: dalla tecnica dell'elefante al bagno chimico

Gli orrori nei racconti dei prigionieri durante l'invasione della Cecenia

Putin, le torture dello Zar: dalla tecnica dell'elefante al bagno chimico, così costringe i nemici a parlare
4 Minuti di Lettura
Martedì 22 Marzo 2022, 07:19 - Ultimo aggiornamento: 17:19

Vladimir Putin è stato accusato di «crimini di guerra» per l'invasione dell'Ucraina. Le bombe a grappolo, i missili termobarici, gli attacchi sui civili, le deportazioni in Russia degli sfollati e, infine, gli stupri denunciati in queste ore sulle donne di Mariupol. Ma la storia dello Zar non è nuova a questa violenza cruda e gratuita. E il passato racconta di tecniche di tortura agghiaccianti applicate ai prigionieri nemici. Durante l'invasione della Cecenia negli anni '90, le forze russe hanno impiegato una serie di crudeltà tra cui l'asfissia (la temutissima tecnica dell'elefante) e le punizioni chimici.

Le tecniche di tortura di Putin

L'orribile conflitto è arrivato relativamente presto durante la presidenza dello Zar e ha molti parallelismi allarmanti con la sua ultima mossa in Ucraina, sebbene finora non ci siano prove che suggeriscano che la Russia stia torturando i soldati ucraini. E mentre le truppe russe invadevano la piccola repubblica, iniziano ad emergere storie di orrore del modo in cui le forze di Putin trattavano il loro nemico. In un articolo del 2000 scritto per il Guardian, il giornalista di guerra John Sweeney ha parlato con i membri delle forze cecene che erano stati catturati dai russi, molti dei quali hanno affermato di essere stati torturati.

 

La tecnica dell'elefante

Un metodo specifico noto come "l'elefante" è saltato fuori più volte nei discorsi dei sopravvissuti. Uno di loro ha descritto la pratica: «Ti infilano una maschera antigas in testa. Le tue mani sono ammanettate dietro la schiena, quindi non c'è niente che tu possa fare. Poi chiudono il tubo di respirazione e tu inizi a soffocare», ha raccontato. Un altro sopravvissuto ha spiegato come sotto la costrizione della "proboscide dell'elefante", le persone avrebbero ammesso qualsiasi cosa: «Una volta che la maschera antigas è stata indossata, sapevi che ti avrebbero soffocato. Loro in un primo momento lasciavano andare e tu inspiravi profondamente. Poi spruzzavano gas nel foro di respirazione. Era così terribile che solo la vista della maschera antigas nella stanza avrebbe fatto confessare qualsiasi cosa alla gente».

Il bagno chimico

Il più orribile campo di prigionia utilizzato dai russi durante il conflitto si trovava a Chernokozovo. Le pratiche comuni al campo includevano percosse, finte esecuzioni, stupri, torture con scosse elettriche e persino trattamenti chimici. Un ex prigioniero di soli 17 anni quando fu portato al campo soffrì tremendi dolori per mano delle guardie russe. Ha ricordato il giorno spaventoso in cui gli aggressori lo hanno sottoposto a un bagno chimico che lo ha lasciato cieco per giorni. «Mi hanno messo in una cella, c'era qualcosa di chimico lì dentro. Mi hanno ammanettato le mani dietro la schiena e hanno detto: 'Vai avanti, nuota". Ho  perso la vista appena mi hanno spinto la testa lì dentro». «C'era anche qualcos'altro, un barile pieno d'acqua con una gabbia sopra. Non potevi uscire di lì». Nonostante le prove schiaccianti a sostegno delle affermazioni del prigioniero, Vladimir Putin e la Russia non hanno mai ammesso di aver torturato i prigionieri durante il conflitto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA