Putin arruola americani per la guerra in Ucraina, l’allarme degli Usa: «Partite subito»

Il messaggio di lasciare la Russia arriva anche dall'ambasciata italiana a Mosca

Putin arruola statunitensi per la guerra in Ucraina, l allarme degli Usa e dell'Italia
3 Minuti di Lettura
Giovedì 29 Settembre 2022, 18:09 - Ultimo aggiornamento: 18:55

Gli statunitensi che vivono in Ucraina non possono stare tranquilli. Putin potrebbe arruolarli per la guerra in Ucraina. L'allarme lanciato dall'Ambasciata degli Stati Uniti a Mosca.

Putin «potrebbe bloccare internet in Europa» tagliando i cavi sottomarini. L'allerta degli analisti: «Blackout devastante»

Putin arruola statunitensi per la guerra, il messaggio dell'ambasciata Usa

«Il 21 settembre - la dichiarazione ufficiale del consolato -, il governo russo ha iniziato a mobilitare i suoi cittadini nelle forze armate per sostenere la sua invasione dell'Ucraina. La Russia potrebbe rifiutarsi di riconoscere la cittadinanza statunitense ai cittadini con doppia cittadinanza, negare loro l'accesso all'assistenza consolare statunitense, impedire la loro partenza dalla Russia e arruolarli per il servizio militare».

Chi potrebbe colpire

Un avvertimento che arriva dopo che il governo russo ha avviato la scorsa settimana una mobilitazione militare dei suoi cittadini, con diverse centinaia di migliaia di uomini chiamati e inviati in Ucraina per combattere. Una scelta, quindi che secondo l'ambasciata degli Stati Uniti, potrebbe quindi riguardare anche chi ha la doppia cittadinanza russo-americana.

«Partire subito»

«Partire subito», prosegue il messaggio dell'ambasciata. Anche perché le possibilità di lasciare il Paese sono sempre più limitate. Questa preoccupazione per la situazione sempre più tesa in Russia non riguarda solo gli Stati Uniti, poiché anche «Polonia, Estonia e Bulgaria hanno chiesto anche ai loro cittadini di lasciare il Paese».

L'allarme dell'ambasciata italiana

«Considerata la più recente evoluzione del contesto internazionale e la crescente difficoltà nei collegamenti aerei e su strada in uscita dalla Russia, si raccomanda ai connazionali presenti in Russia di valutare se la permanenza sia necessaria e, in caso contrario, di lasciare il Paese». Lo si legge in un comunicato pubblicato sul sito dell' ambasciata italiana a Mosca.

 

«Sta diventando progressivamente più difficile - si legge nella nota - spostarsi per via aerea dalla Federazione Russa verso l'Italia e altri Paesi terzi. In particolare, si registra in questi giorni un vertiginoso aumento del costo già elevato dei biglietti venduti dalle compagnie aeree e si ha notizia di lunghe code in alcuni valichi di frontiera che collegano la Federazione Russa con alcuni Paesi confinanti. In considerazione del permanere della chiusura dello spazio aereo ai voli provenienti dalla Federazione Russa disposto dall'Unione Europea lo scorso 27 febbraio, si raccomanda fortemente a tutti i connazionali presenti in Russia di programmare il più possibile in anticipo gli spostamenti verso l'estero». «Coloro i quali hanno l'esigenza di lasciare la Federazione Russa - si aggiunge nel messaggio - sono invitati a munirsi il prima possibile dei biglietti disponibili presso le compagnie commerciali».

© RIPRODUZIONE RISERVATA