Prof producono droghe nel laboratorio dell'università: arrestati

Lunedì 18 Novembre 2019 di Giampiero Valenza

Proprio come nel film “Smetto quando voglio”, i prof sfruttano le loro competenze scientifiche per mettersi a preparare droga. Nel film c'era una banda di docenti pronti a fare una smart drug. In questo caso, invece, due professori di chimica dell'Arkansas, negli Stati Uniti d'America, sono stati arrestati con l'accusa di aver prodotto metanfetamine nel laboratorio della Henderson State University di Arkadelphia. In manette sono finiti Terry David Bateman, di 45 anni, e Bradley Allen Rowland, di 40. 

Terni, prof sospeso per 12 giorni: impedì l'ingresso di cani anti-droga in classe

Secondo quanto si legge sull’edizione on line della rivista Time, il centro scientifico dell'università era stato chiuso l'8 ottobre a causa di uno strano odore chimico. I test iniziali avevano indicato che c'era un'elevata presenza di benzilcloruro, un composto che può essere utilizzato per aiutare a produrre metanfetamina in laboratorio. L'ufficio dello sceriffo della contea di Clark, che era stato contattato per vederci chiaro nella vicenda, ha arrestato i due, accusati di aver creato la droga sintetica.

L'edificio è stato riaperto solo il 29 ottobre, dopo che altri test avevano rilevato come si potessero riprendere normalmente le attività. 

Ultimo aggiornamento: 17:52 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Divisioni a due cifre: ricordate? Incubo per studenti (e genitori)

di Veronica Cursi

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma