Principessa Amalia di Olanda, festa "normale" per i 18 anni dopo il gran rifiuto alla dote da capogiro: 1,6 milioni di euro

La principessa Amalia di Olanda
di Leonardo Jattarelli
5 Minuti di Lettura
Martedì 7 Dicembre 2021, 16:19 - Ultimo aggiornamento: 9 Dicembre, 08:42

Per un paese il cui motto nazionale è “sii normale”, l’erede al trono d'Olanda sembrerebbe perfetta.
Oggi la principessa Amalia compie 18 anni e come regalo ecco il gran rifiuto: dice no a un milione e seicentomila euro. Il gesto più eclatante e simbolico, la rinuncia alla "dote": dice che non reclamerà il suo reddito fino a quando non diventerà una reale pienamente operativa. L’emittente televisiva Net5 le ha dedicato il documentario dal titolo "Princess Amalia: Teenager on the Way to the Throne". Catharina-Amalia Beatrix Carmen Victoria (questo il suo nome completo) ama cantare,  adora i musical ed è una esperta di cocktail. Ma cos’altro si sa della futura regina dei Paesi Bassi? E la sua maggiore età potrebbe annunciare una nuova era?

La riununcia a 1,6 milioni di euro

La principessa Amalia ha frequentato una scuola statale vicino a casa sua a L’Aia e, come molti bambini olandesi, è andata a scuola in bicicletta. Amici di amici dicono che Amalia e la sua famiglia non erano diversi dagli altri, interagendo anche su gruppi di messaggistica privati. Si è diplomata in un liceo protestante e ha seguito la tradizione dei diplomati di issare con orgoglio la bandiera olandese sul tetto di casa sua. L’unica differenza è che la sua casa è un palazzo, l’Huis ten Bosch, in una zona particolarmente rigogliosa dell’Aia. Ora, a 18 anni, Amalia ha diritto a 1,6 milioni di euro (1,3 milioni di sterline; 1,8 milioni di dollari) di reddito e sostegno alla famiglia, ma per il momento non li accetterà perché la renderebbe “a disagio” visto che non fa nulla per guadagnarseli.

Il padre (re) pilota e la madre (regina) argentina

La principessa ha due sorelle più giovani, Alexia e Ariane, e la sua famiglia posa due volte l’anno per un servizio fotografico della famiglia reale, in cambio della privacy per il resto dell’anno. Suo padre, il re Guglielmo Alessandro, è un pilota che trasporta regolarmente passeggeri su aerei commerciali KLM. Sua madre, la regina Maxima, è argentina e ha portato un tocco di stile latinoamericano in quella che in precedenza era percepita come una famiglia reale piuttosto noiosa.

Il re ha sempre pensato che il segreto per un matrimonio felice era l’apertura e l’onestà e sua figlia sembra aver fatto tesoro dei suoi insegnamenti. In una biografia autorizzata pubblicata in occasione del compimento dei 18 anni, la principessa Amalia ha parlato anche del consenso del Parlamento richiesto dalla costituzione olandese quando si sposerà: «Se è l’uomo che mi sostiene, che amo, con cui voglio passare la vita ma il parlamento non approva, allora dovremo solo vedere cosa si può fare. Se non posso fare una scelta come donna indipendente, vuol dire che non posso dare il meglio per il nostro Paese».

Omosessualità ed eterosessualità

Ed è un fatto già accaduto. Il suo defunto zio, il principe Friso, perse il suo posto nella Casa Reale e la linea di successione quando sposò Mabel Wisse Smit senza l’approvazione del governo. Nella sua biografia, scritta da Claudia de Breij, Amalia afferma anche che l’omosessualità non è un grosso problema nella sua famiglia: «I miei genitori hanno molti amici “diversi”, quindi sono cresciuta non solo con zio e zia ma anche con “zio e zio” e “zia e zia”». Quando aveva 14 anni, indossava anche abiti viola a scuola per il “Venerdì viola”, mostrandosi solidale con gli studenti che non erano eterosessuali.

Dato che il matrimonio tra persone dello stesso sesso è legale da 20 anni nei Paesi Bassi, di recente è stata sollevata la questione di cosa potrebbe accadere se Amalia dovesse scegliere un partner dello stesso sesso. Sebbene l’ipotesi abbia suscitato critiche, il primo ministro ad interim Mark Rutte ha affermato che ipoteticamente non ci sarebbero problemi legali. Dalla sua biografia, apprendiamo che Amalia trova gli uomini tedeschi più galanti degli olandesi.

Alle scuole medie, felice per il fatto che qualcuno avesse finalmente mostrato un interesse romantico per lei, usciva con un altro studente solo per scoprire se le sue intenzioni erano veramente sincere. Per lei era una sorta di scommessa: infatti, nella pragmatica Olanda, mostrare emozione a volte è considerata una debolezza, ma Amalia ha detto apertamente che «a volte tutto diventa troppo per me - scuola, amici - e così ne parlo con qualcuno». Per lei la salute della mente è importante quanto quella del fisico: «Se ne ho bisogno, prendo un appuntamento... parlare con un professionista ogni tanto è abbastanza normale». Ascoltare una principessa parlare della ricerca di una terapista potrebbe aiutare a rassicurare altri giovani che potrebbero sentirsi sotto pressione per nascondere le loro sofferenze. 

Leah Isadora di Norvegia

Quanto al suo rapporto con i social, la principessa Amalia utilizza un account con il nome di Azalea Pierce per pubblicare foto e pensieri sui social network e promuovere la sua passione per il mondo naturale. «La natura è fantastica... Dobbiamo preservare quel poco che ne rimane», si legge nella biografia dell’account. 
Nel 2018 s’è scoperto poi che Alexia dei Paesi Bassi, sedici anni, sorella minore di Amalia, grande appassionata di moda, ha utilizzato un account segreto su Instagram per chiedere consigli ai compagni di classe sui suoi outfit. Chi invece non ha nessuna paura di nascondersi sui social è Leah Isadora di Norvegia. La sedicenne, figlia di Marta Luisa di Norvegia e di Ari Behn e nipote dell’attuale re Harald V, è una vera e propria beauty influencer e con il nome ©Leahhhbeauty conta più di 50 mila follower. Leah Isadora ha anche un altro account dedicato alla moda, ©Isadorable05, con più di 20mila follower. Quando il padre Ari è morto suicida, il giorno di Natale del 2019, la principessa norvegese ha espresso il suo dolore proprio via social. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA