Nobel per la Pace all'attivista bielorusso Bialiatski e alle organizzazioni per i diritti umani Memorial (russa) e Center for Civil Liberties (ucraina)

Il premio «per l'impegno in difesa dei diritti umani e del diritto di criticare il potere, di difesa dei diritti dei cittadini per i diritti dei cittadini e contro gli abusi di potere, per aver documentato crimini di guerra»

Premio Nobel per la Pace all'attivista Bialiatski e alle organizzazioni per i diritti umani Memorial (russa) e Center for Civil Liberties (ucraina)
4 Minuti di Lettura
Venerdì 7 Ottobre 2022, 11:10 - Ultimo aggiornamento: 12:54

Il premio Nobel per la Pace è stato assegnato all'attivista e dissidente bielorusso Ales Bialiatski, all'organizzazione russa per i diritti umani Memorial e all'organizzazione ucraina per i diritti umani Center for Civil Liberties. I vincitori rappresentano la società civile nei loro paesi d'origine. Da molti anni promuovono il diritto di criticare il potere e tutelare i diritti fondamentali dei cittadini. Le motivazioni annunciate dal Comitato per il Nobel a Oslo: «Nobel per l'impegno in difesa dei diritti umani e del diritto di criticare il potere, di difesa dei diritti dei cittadini per i diritti dei cittadini e contro gli abusi di potere, per aver documentato crimini di guerra».

Bialiatski, l'attivista bielorusso detenuto senza processo

Bialiatski è stato uno degli iniziatori del movimento democratico emerso in Bielorussia a metà degli anni '80. Ha dedicato la sua vita alla promozione della democrazia e dello sviluppo pacifico nel suo paese d'origine. È noto per il suo lavoro con il Viasna Human Rights Centre of Belarus, fondata nel 1996. Viasna si è evoluta in un'organizzazione per i diritti umani ad ampia base che ha documentato e protestato contro l'uso della tortura da parte delle autorità contro i prigionieri politici. «Ha dedicato la sua vita alla promozione della democrazia e dello sviluppo pacifico nel suo Paese d’origine», si legge nel comunicato del Premio Nobel, che ha ricordato come «le autorità governative abbiano ripetutamente cercato di metterlo a tacere». «È stato incarcerato dal 2011 al 2014. A seguito di manifestazioni su larga scala contro il regime nel 2020, è stato nuovamente arrestato. È ancora detenuto senza processo. Nonostante le enormi difficoltà personali, Bialiatski non ha ceduto di un centimetro nella sua lotta per i diritti umani e la democrazia in Bielorussia».

Video

Memorial, l'organizzazione chiusa da Putin dopo la guerra

Memorial è un'organizzazione nata durante la Perestrojka per documentare i gulag e le vittime dello stalinismo, raccogliendo volti, nomi, storie e scavando negli archivi appena furono aperti. Pochi giorni dopo l'inizio della guerra è stata chiusa da Vladimir Putin. A marzo uno degli storici più attivi dell'ong, Sergej Bondarenko, insieme ad alcuni colleghi rimase 15 ore davanti alla sede dell'associazione mentre il personale in borghese dell'Fsb occupava gli uffici. Una volta rientrati, scoprirono delle «Z» scritte sulle porte e sulle pareti. 

Center for Civil Liberties e i documenti contro i crimini di guerra russi

Il Centro per le libertà civili è stato fondato a Kiev nel 2007 allo scopo di promuovere i diritti umani e la democrazia in Ucraina. Il centro ha preso posizione per rafforzare la società civile ucraina e fare pressione sulle autorità affinché facciano dell'Ucraina una democrazia a tutti gli effetti. Per trasformare l'Ucraina in uno stato governato dallo stato di diritto, il Center for Civil Liberties ha attivamente sostenuto che il Paese si affiliasse alla Corte penale internazionale. Dopo l'invasione russa nel febbraio 2022, il Center for Civil Liberties si è impegnato a identificare e documentare i crimini di guerra russi contro la popolazione civile ucraina. In collaborazione con partner internazionali, il centro svolge un ruolo pionieristico al fine di ritenere i colpevoli responsabili dei loro crimini. Assegnando il Premio Nobel per la pace per il 2022 ad Ales Bialiatski, Memorial e Centro per le libertà civili, il Comitato norvegese per il Nobel desidera onorare tre eccezionali difensori dei diritti umani, della democrazia e della coesistenza pacifica nei paesi vicini Bielorussia, Russia e Ucraina. Attraverso i loro sforzi coerenti a favore dei valori umanisti, dell'antimilitarismo e dei principi del diritto, i vincitori di quest'anno hanno rivitalizzato e onorato la visione di pace e fraternità tra le nazioni di Alfred Nobel, una visione più necessaria nel mondo di oggi.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA