CORONAVIRUS

Il premier slovacco Pellegrini ricoverato d'urgenza per infezione alle vie respiratorie

Domenica 23 Febbraio 2020

Non sarà coronavirus, certo è che tutti, soprattutto i rappresentanti europei di Bruxelles, hanno pensato a qualcosa di simile quando il premier slovacco Peter Pellegrini è stato ricoverato in un ospedale per un'infezione alle vie respiratorie. Lo ha reso noto il suo ufficio in una nota, precisando che «Pellegrini è stato ricoverato ieri sera a casa di un'infezione respiratoria acuta accompagnata da febbre alta. A causa delle sue condizioni ha cancellato tutti i suoi impegni».

Coronavirus, a Wuhan pazienti dimessi di nuovo positivi al test: aumenta il periodo di quarantena
Coronavirus, a Bari test su due ventenni provenienti da Lodi: sono in isolamento

E questo  ad appena  sei giorni dalle elezioni parlamentari in Slovacchia.
Della sua condizione di salute è stato lo stesso Pellegrini, 44enne, esponente del Partito socialdemocratico Smer, a parlarne con un post su Facebook: «Come potete vedere sono stato tradito dalla salute nel momento più inappropriato. Nelle ultime settimane sono stato affetto da un’infezione ma ho cercato di continuare a lavorare visto che ci troviamo in un periodo frenetico - ha spiegato il primo ministro slovacco - Venerdì mi sono recato per una breve visita a Bruxelles per partecipare agli importanti negoziati sul bilancio dell’Ue. Sfortunatamente, tutto ciò ha avuto un impatto negativo e la notte scorsa sono stato ricoverato in ospedale a Bratislava». 
Pellegrini che ha ringraziato i medici e il personale sanitario impegnato a garantirne le cure. «Credo che potrò tornare a lavorare per la Slovacchia il più presto possibile», ha concluso il premier.
 


 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Traffico e sveglie all’alba: cosa non ci manca dell’uscire di casa

di Veronica Cursi