Porno, la svolta della Gran Bretagna: chi frequenta i siti hard dovrà identificarsi

Mercoledì 17 Aprile 2019
1
Una norma a tutela dei minori: da luglio in Gran Bretagna entrerà  in vigore dal 15 luglio una nuova legge, inedita,  draconiana come in nessun altro Paese occidentale, destinata a imporre ai frequentatori del web al luci rosse d'identificarsi e come maggiorenni, in modo da frenare l'accesso degli under 18. L'annuncio è stato dato dopo l'approvazione dell'ultima versione di una legge ad hoc - già varata nel 2014, ma poi rinviata - da Margot James, viceministra con delega al settore digitale nel governo Tory di Theresa May. «L'introduzione di un sistema obbligatorio di verifica dell'età è una primizia al mondo», ha rivendicato la James, assicurando comunque «un equilibrio fra la necessità di tutelare la privacy degli utenti e la preoccupazione di proteggere i bambini da contenuti inappropriati». I visitatori potranno essere bloccati. Mentre per i provider inadempienti sono previste multe salate, fino a centinaia di migliaia di sterline. Ma secondo i critici la legge sarà aggirabile tramite i molti siti basati all'estero, in grado di sfuggire ai controlli delle autorità d'oltremanica.  © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

«Fermiamo i furti di cani». L’appello social dei padroni

di Marco Pasqua

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma