Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Russia può invadere la Polonia? L'appoggio a Kiev e il fronte che si scalda: la Nato serra i confini

L'alleanza presidia i confini, anche se a Mosca fanno sapere che non c'è l'intenzione di invadere. In caso contrario, sarebbe conflitto mondiale

Polonia, il fronte si scalda: Varsavia invia aerei a Kiev e la Nato serra i confini contro lo spauracchio Putin
3 Minuti di Lettura
Venerdì 4 Marzo 2022, 18:13 - Ultimo aggiornamento: 6 Marzo, 13:45

Quando ieri Putin ha annunciato di voler «distruggere l'anti-Russia creata dall'Occidente», a qualcuno sono tremati i polsi anche a Varsavia e dintorni. La Polonia è il Paese più esposto alla guerra, tra quelli che fanno parte della Nato. Non solo perché confina con l'Ucraina. Soprattutto per l'appoggio continuo a Kiev. 

Russia, le armi da guerra di Putin: nucleare, missili supersonici e sottomarini invisibili (e il lanciarazzi "Buratino")

Ucraina, la Russia ha attaccato la centrale nucleare di Zaporizhazhia

 

Aerei all'Ucraina? 

L'ultima mossa della Polonia sembrava quella degli aerei da inviare all'Ucraina. Ma il segretario generale della Nato, Jens Stoltenberg, ha chiarito che questa decisione non è in programma. «Avete visto la dichiarazione del presidente polacco Duda su Lodsz, la Polonia non ha in programma di inviare aeroplani all'Ucraina», ha spiegato. Nei giorni scorsi il primo ministro inglese Boris Johnson è volato dal suo omologo polacco per ricordare (al Cremlino) che l'Europa è dalla sua parte. E oggi il presidente americano Joe Biden si è intrattenuto a lungo al telefono con il suo omologo Duda. La Polonia è un Paese Nato dal 1997 e questo dovrebbe bastare a tenerla a sicuro, ma la lezione di Putin è che in guerra non ci sono regole. Se Mosca decidesse di invare, la terza guerra mondiale sarebbe inevitabile.

 

 

Gli 007 della Nato in Polonia

In Ucraina si nomina spesso la Polonia, per avvertire sul rischio dell'invasione. Solo propaganda, forse. È pacifico che la speranza di Kiev sia tirare l'Europa nel conflitto, ma è anche vero che a Varsavia nessuno è sicuro che, una volta raggiunto l'obiettivo in Ucraina, Putin decida di fermarsi. La Nato ha ripetuto più volte che varcare i confini dell'Alleanza sarebbe un binario di non ritorno per la Russia.

Nel frattempo diversi Paesi, tra cui Stati Uniti e Regno Unito, stanno utilizzando da settimane come «base logistica la Polonia» per «trasferire» in Ucraina «armi e combattenti terroristi stranieri, compresi alcuni dal Medio Oriente», secondo l'intelligence russa. E si continuano a inviare soldati per presidiare i confini.

La paura dell'Est

La paura di un'invasione russa, ha spinto Moldavia e Georgia ha presentare richiesta di annessione all'Ue. «C'è ampio accordo sul fatto che dobbiamo fare di più per sostenere» la Georgia, la Bosnia e la Moldavia «aggiungendo potenzialmente più attività a loro sostegno, perché potrebbero essere a rischio, esposte a ulteriori interventi, sovversione e potenzialmente anche ad attacchi da parte delle forze armate russe», ha detto il segretario generale della Nato, Jens Stoltenberg, in conferenza stampa, precisando che nel corso della ministeriale Esteri della Nato non sono state prese «decisioni finali». 

© RIPRODUZIONE RISERVATA