Usa, muore un secondo poliziotto dopo l'assalto a Capitol Hill. La polizia: «Non era in servizio»

Usa, muore un secondo poliziotto a Capitol Hill. La polizia: «Non era in servizio»
2 Minuti di Lettura

È morto un secondo poliziotto, a Washington. Si chiamava Howard Liebengood, e la sua morte arriva dopo quella di Brian Sicknick, il 42enne che il 7 gennaio è stato ferito durante gli scontri con i manifestanti pro Trump, al Campidoglio Usa. Liebengood aveva 51 anni ed era in servizio a Capitol Hill dal 2005: era assegnato  alla divisione del Senato e suo padre era stato capo ufficiale della sicurezza del Senato nel biennio 1981-1983. Della sua morte, però, non sono state chiarite le cause, anche se le forze dell'ordine hanno sottolineato che Liebengood non era in servizio, al momento degli scontri tra la polizia e i manifestanti che tentavano di impedire la vittoria di Joe Biden: alcuni pensano che possa trattarsi di un suicidio.

Usa e Trump, il Congresso lancia l'impeachment lampo: si temono ancora attacchi

Nel frattempo sono arrivate le condoglianze da alcune personalità politiche, fra cui il repubblicano Dean Phillips: «La U.S. Capitol Police ha appena annunciato la tragica morte dell'agente Howard Liebengood - per il quale sono in lutto», ha scritto Phillips su Twitter. Poi ha continuato: «I nostri ufficiali hanno bisogno di più della gratitudine. Hanno bisogno di una leadership autentica, capace di un sostegno significativo, e invito i miei colleghi ad unirsi a me per chiederlo immediatamente».

Domenica 10 Gennaio 2021, 20:23 - Ultimo aggiornamento: 21:47
© RIPRODUZIONE RISERVATA