Licenziati due poliziotti: si fermano per giocare a "Pokémon go" invece di inseguire i ladri. Il caso a Los Angeles

I due agenti avevano avvistato un rarissimo Snorlax e si erano precipitati a catturarlo

Devono inseguire i ladri ma si fermano per giocare a "Pokémon go": licenziati due poliziotti di Los Angeles
3 Minuti di Lettura
Mercoledì 12 Gennaio 2022, 16:21

«Volante, mi ricevete? Ci sono due ladri da inseguire». Certo, ma non prima di aver finito di giocare a "Pokémon go". Due poliziotti di Los Angeles sono stati licenziati, perché si sono fermati a "catturare" uno Snorlax - un pokémon molto raro da trovare -, quando avrebbero dovuto inseguire una banda di ladri in fuga dopo una rapina in un negozio. Il fatto è accaduto nel 2017, quando il gioco di realtà virtuale aumentata spopolava sugli smartphone di tutto il mondo, ma è stato resto noto solo di recente. A inchiodare i due, che avevano sempre negato, un video delle camere di sorveglianza che li ha ripresi intenti a "catturare il pokémon". 

Giocavano a Pokemon go in servizio: licenziati poliziotti

I dettagli della storia sono emersi quando il ricorso dei due poliziotti contro il licenziamento è stato respinto. Louis Lozano ed Eric Mitchell (questi i nomi dei due agenti) erano di pattuglia quando il grande magazzino Macy's è stato rapinato, il 15 aprile 2017. Il documento svela che «Dopo aver ignorato una chiamata radiofonica che chiedeva rinforzi, per i successivi 20 minuti, il video ha ripreso gli agenti che discutevano di Pokémon mentre guidavano verso i luoghi dove le creature virtuali apparivano sui loro telefoni cellulari».

Per giustificarsi i poliziotti hanno affermato di non aver sentito la radio, ma anche in questo caso il filmato delle videocamere li ha ripresi intenti a ignorare di proposito la chiamata della centrale. «L'agente Mitchell ha avvisato Lozano che "Snorlax" è appena apparso tra la 46° e Leimert», si legge ancora nei documenti. A quel punto i due sono partiti in quella direzione, per provare a catturare il pokèmon. Dopo essere riusciti "nell'impresa" di catturarlo, si è sentito l'agente Mitchell affermare «i ragazzi saranno così invidiosi...». Il ricorso degli agenti è stato respinto in due gradi di giudizio e il licenziamento è stato alla fine confermato. 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA