Peste, morta bambina di 10 anni negli Stati Uniti: contagiata dalle pulci, non esiste un vaccino

Stati Uniti, muore di peste una bambina di 10 anni: il batterio killer è presente in Colorado
3 Minuti di Lettura
Venerdì 23 Luglio 2021, 17:32 - Ultimo aggiornamento: 24 Luglio, 14:40

Ci sono dei casi di peste confermati in Colorado, Stati Uniti. All'inizio di luglio è morta una bambina di dieci anni che aveva cotratto la malattia. Ma non è il primo caso di presenza del batterio in questo territorio. Casi di peste negli animali, secondo un recente rapporto delle autorità mediche sono stati confermati in sei contee del Colorado. I test di laboratorio hanno confermato la malattia nelle pulci nella contea di La Plata, dove viveva la bambina. La notizia è stata diffusa dall'emittente televisiva CBS 4 Denver. La peste è stata rilevata anche nelle contee di San Miguel, El Paso, Boulder, Huerfano e Adams, le autorità hanno rinvenuto prove dell'esistenza del batterio killer, che arriva agli esseri umani spesso tramite le pulci o con il contatto diretto con animali infetti.

Vaiolo delle scimmie, dal morto in Cina al primo caso negli Usa: rischio contagio per 200 persone

Peste, non esiste un vaccino

Dal Centers for Disease Control and Prevention spiegano che «in Colorado, si sono rinvenute pulci positive al batterio della peste durante questi mesi estivi». «La consapevolezza e le precauzioni possono aiutare a prevenire la malattia nelle persone - proseguonole autorità -. Sebbene sia raro che le persone contraggano la peste, vogliamo fare in modo che tutti possano riconoscere i sintomi poiché la malattia è curabile se presa in tempo». Le autorità consigliano quindi di chiamare il prima possibile un medico in caso di sintomi o nel caso nel quale i cittadini pensino di esser stati esposti ad un rischio di contagioJennifer House, vice epidemiologa statale e esperta di sanità pubblica dello Stato ha quindi provato così ad avvertire la sanità: «I sintomi includono febbre improvvisa, mal di testa, brividi, debolezza e acuto dolore nei linfonodi dolorosi».

Non esiste un vaccino per la malattia, ma può essere trattata con antibiotici se rilevata in breve tempo. Le autorità hanno anche avvertito i residenti di prendere alcune precauzioni nelle aree in cui è presente la peste, tra cui evitare di maneggiare direttamente la fauna selvatica e tenere gli animali domestici lontani da quelli selvatici, in particolare roditori e conigli morti.

Vaiolo delle scimmie, morto il primo paziente affetto dal virus in Cina. Cos'è e come si trasmette

 

I casi precedenti

La malattia viene spesso diagnosticata negli scoiattoli delle rocce, nei cani da prateria, nei topi e in altri animali, stando a quanto diffuso con un recente comunicato stampa dal San Juan Basin Public Health. Non è insolito che la peste attacchi i roditori selvatici durante l'estate. Lo scorso maggio i funzionari statali della sanità pubblica hanno avvertito che uno scoiattolo nella contea di El Paso era risultato positivo alla malattia batterica. L'anno scorso, inoltre, due persone sono state infettate dalla peste dopo il contatto ravvicinato con animali malati, ma sono riuscite a sopravvivere.

Cina, trovati nuovi virus nei ghiacciai: cosa potrebbe succedere con lo scioglimento? Il rischio

© RIPRODUZIONE RISERVATA