Parigi, tensione alla manifestazione contro la legge sulla sicurezza

Sabato 28 Novembre 2020
Parigi, tensione alla manifestazione contro la legge sulla sicurezza

Primi tafferugli alla «Marcia per le libertà» di Parigi, dove la polizia ha lanciato alcuni lacrimogeni all'arrivo della manifestazione alla Bastiglia. Decine di migliaia di persone stanno manifestando pacificamente, soltanto all'arrivo del corteo nella piazza un gruppetto ha dato fuoco a un cassonetto dei rifiuti.

Cosa sta succedendo in Francia? Decine di cortei si sono organizzati oggi in tutto il Paese per protestare contro la legge in discussione in Parlamento sulla «sicurezza globale» che gli organizzatori giudicano «liberticida». Ad esacerbare gli animi - oltre all'articolo 24 della legge che vieta foto e video a poliziotti in azione - gli episodi di violenza di questi giorni, lo sgombero di migranti da place de la Republique con l'uso di manganelli e il pestaggio di un rapper nero ad opera di 3 agenti, entrati a forza nel suo studio di registrazione a Parigi.

Mentre la pressione aumenta sul governo, nelle strade sta scoppiando la tensione. In particolare a Parigi, dove le strade adiacenti al percorso della «Marcia delle libertà», fra République e Bastiglia, sono state chiuse dai blindati della polizia fin dal primo mattino. Fonti del sindacato di polizia Alliance lamentano che siano stati chiamati in servizio soltanto 2.000 agenti per far fronte a una manifestazione «ad alto rischio» in cui si prevedono 40.000 dimostranti e si temono infiltrazioni di elementi radicali dei gilet gialli e dei black-bloc.

© RIPRODUZIONE RISERVATA