ULTIMA ORA

Papà uccide il figlio di 11 mesi gettandolo da un ponte e poi va al bar: «Stava diventando il demonio»

Martedì 1 Dicembre 2020 di Alessia Strinati
Papà uccide il figlio di 11 mesi gettandolo da un ponte e poi va al bar: «Stava diventando il demonio»

Getta il figlio di 11 mesi da un ponte e poi va al bar. Il 22enne Zak Eko Bennett è stato condannato nelle scorse ore da un tribunale britannico per omicidio non intenzionale. All'uomo infatti, nonostante il terribile delitto, è stata riconosciuta la limitata capacità di intendere e di volere che ha comportato delle attenunanti al momento della sentenza.

 

Vaccino Pfizer, chiesta l'autorizzazione. Ema: valutazione entro il 29/12, per quello Moderna entro il 12/1

Covid, ecco chi può essere curato dal medico a casa: le linee guida del Ministero della Salute

 

 

<h2>«Esco a comprare il latte»</h2>

 

L'uomo aveva detto alla compagna che usciva per comprare il latte e avrebbe portato con sé il figlio di appena 11 mesi. Nel corso del tragitto però ha gettato il bambino da un ponte per poi continuare la sua strada come se nulla fosse successo, andare al bar e fare colazione. Alcuni passanti hanno notato la scena e hanno chiamato i soccorsi, ma purtroppo per il piccolo non c'è stato nulla da fare.

Il 22enne è stato arrestato e durante l'interrogatorio ha spiegato di aver sentito numerose voci nelle settimane precedenti che gli dicevano che il figlio si stava trasformando in demonio e lo avrebbe dovuto uccidere. Le perizie hanno mostrato che il padre soffre di schizofrenia paranoica e per questo ha avuto delle attenuanti al processo, come riporta anche il Sun.

Bennett era stato ricoverato per gravi disturbi psichiatrici nel 2014 in una struttura, poi sembrava stare meglio, fino a quando non ha ucciso suo figlio. L'uomo è stato rinchiuso in una clinica psichiatrica dove passerà buona parte della sua condanna. In passato il 22enne era andato in ospedale chiedendo aiuto ai medici per il suo stato mentale, ma non era mai stato ricoverato o preso in carico.

 

Nuovo Dpcm, Natale blindato: spostamenti tra regioni vietati dal 19 dicembre al 10 gennaio

ROMA Il duello vero e proprio andrà in scena questa mattina, quando i ministri Francesco Boccia e Roberto Speranza riuniranno in videoconferenza i governatori regionali. Ma già nelle ultime ore, come da copione consolidato di tutta l'emergenza-, le Regioni (in primis quelle di centrodestra) sono andate all'attacco delle misure restrittive che sta mettendo a punto l'esecutivo.


 

 

 

Ultimo aggiornamento: 14:25 © RIPRODUZIONE RISERVATA