Oxford apre agli studenti più poveri: entro il 2023 saranno almeno il 25%

Martedì 21 Maggio 2019
Oxford apre agli studenti più poveri: entro il 2023 saranno almeno il 25%

Bianchi, ricchi e di buona famiglia. Secondo i dati diffusi riguardo alle ammissioni 2010-2015, l'Università di Oxford apre le sue porta soltanto alle classi sociali più privilegiate. Un carattere classista che però sembra destinato a cambiare. 

L'università -insieme a  Cambridge - pilastro dell'eccellenza accademica britannica (e mondiale) promette «un cambiamento radicale» nelle procedure di ammissione. L'obiettivo è di garantire entro il 2023 una quota minima di iscrizioni «del 25%» agli «studenti più poveri» e provenienti da un retroterra svantaggiato. Decisa a fronteggiare le accuse di elitarismo Oxford nota come gli ultimi dati abbiano fatto segnare un record di ingressi di giovani provenienti da scuole pubbliche (il 60,5%). Tuttavia, ammette che c'è ancora molto da fare per offrire pari opportunità a chi è vittima del gap sociale. «Vogliamo accelerare il cammino verso una diversificazione» dei nostri studenti, ha annunciato la professoressa Louise Richardson, vice-chancellor (rettore) dell'ateneo, illustrando il progetto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Noi, viaggiatori compulsivi con destinazione “ovunque

di Mauro Evangelisti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma