Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Omicron mette in ginocchio Hong Kong, obitori pieni, bare esaurite: impossibile fare i funerali

Omicron mette in ginocchio Hong Kong, obitori pieni, bare esaurite: impossibile fare i funerali
3 Minuti di Lettura
Mercoledì 6 Aprile 2022, 11:03

Obitori stracolmi, posti nei cimiteri esauriti e perfino carenze di bare in una Hong Kong devastata dalla variante Omicron.  Perfino le tradizionali bare di legno stanno finendo mentre le autorità si affrettano ad aggiungere spazio nei cimiteri per fare fronte alle numerose richieste delle pompe funebri. «Non ho mai visto così tanti corpi accatastati insieme», ha detto il direttore delle pompe funebri Lok Chung, 37 anni, che ha lavorato 24 ore su 24, con circa 40 funerali organizzati a marzo, rispetto ai circa 15 in un mese medio. «Non ho mai visto membri della famiglia così sconvolti, così delusi, così impotenti», ha raccontato alla Reuters.

Omicron 2, task force a Shanghai: tamponi a tappeto a 26 milioni di abitanti

Da quando la quinta ondata di coronavirus ha colpito l'ex colonia britannica quest'anno, ci sono stati più di un milione di infezioni e oltre 8.000 morti. Scene di corpi accatastati nei pronto soccorso accanto ai pazienti hanno scioccato in molti mentre i posti degli obitori si sono riempiti. Una lunga attesa per l'elaborazione dei documenti di morte ha ostacolato il lavoro, ha aggiunto Chung, che la scorsa settimana si è precipitato da una camera mortuaria per prendere le disposizioni finali per il suo ultimo paziente Covid-19. 

Anche le infezioni tra il personale delle pompe funebri stanno aumentando ha affermato un altro direttore di pompe funebri, Hades Chan, 31 anni. «Quasi un quarto del personale non è in grado di lavorare. Quindi alcuni saloni di pompe funebri hanno deciso di lavorare insieme per riunire il personale tra di loroe  per continuare a far fronte alle numerose richieste»

a Cina fornisce oltre il 95% delle 250-300 bare di cui Hong Kong ha bisogno ogni giorno, ha affermato Irene Young, funzionaria comunale per l'igiene e l'alimentazione. Ha ricevuto più di 3.570 bare durante il periodo dal 14 al 26 marzo, dopo che il governo della città governata dalla Cina si è coordinato con le autorità della terraferma. I sei crematori che lavoranoi quasi 24 ore su 24 eseguono quasi 300 cremazioni al giorno, il doppio della cifra normale. E gli obitori pubblici sono stati ampliati per ospitare 4.600 corpi dai 1.350 precedenti, hanno affermato le autorità. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA