Yacht dell'oligarca Strzhalkovsky (amico di Putin) in Norvegia senza benzina. Il porto di Narvik risponde: «Fatevela a remi»

Si tratta del Ragnar, di 68 metri, di Vladimir Strzhalkovsky, un ex agente del KGB e conoscente di lunga data di Vladimir Putin

Yacht dell'oligarca Strzhalkovsky in Norvegia senza benzina. Il porto di Narvik risponde: «Fatevela a remi»
4 Minuti di Lettura
Sabato 19 Marzo 2022, 22:54 - Ultimo aggiornamento: 22 Marzo, 10:49

È rimasto senza benzina in porto e si è sentito rispondere: «Fatevela a remi». Sono le parole che hanno avuto come destinatario il capitano di un mega yacht di proprietà di un oligarca russo quando attraccando in un porto norvegese ha tentato di fare rifornimento di carburante, ma la gente del posto si è ripetutamente rifiutata di venderglielo. Si tratta del Ragnar, di 68 metri, di Vladimir Strzhalkovsky, un ex agente del KGB e conoscente di lunga data di Vladimir Putin, che è pertanto rimasto a secco ed è di fatto bloccato nel porto di Narvik, nella Norvegia settentrionale.

Yacht senza benzina bloccato in porto

Il suo capitano Rob Lankester, riferisce il Guardian, dice di essere un ex Royal Marine britannico e ha accusato le autorità norvegesi di discriminazione, dicendo che il proprietario dello yacht non è nell'elenco delle sanzioni e che né lui, né il suo equipaggio di 15 uomini, sono russi. Nemmeno lo yacht è russo, in quanto, dice, è registrato a Malta e naviga sotto bandiera maltese. Ma in alternativa ai remi, gli è stato risposto, «alzate le vele». Solo che il Ragnar è una imbarcazione a motore.

 

Lankester ha aggiunto che lui e il suo equipaggio «vogliono solo andare a casa». Ha accusato la Norvegia di operare con doppi standard poiché i pescherecci russi, che secondo lui rappresentano il 20% dell'economia della Norvegia settentrionale, sono «in grado di acquistare carburante e operare senza ostacoli nei porti e nelle acque norvegesi». La Russia ha sbarcato 150 milioni di dollari in pesce in Norvegia nel 2021 secondo la pubblicazione Intrafish. Il capitano all'emittente norvegese NRK, che è stata autorizzata a salire sullo yacht, ha aggiunto: «Siamo un equipaggio occidentale con 16 persone a bordo. Non abbiamo niente a che fare con il proprietario della barca».

Chi è l'oligarca Strzhalkovsky

Strzhalkovsky ha fatto fortuna nell'estrazione di nichel come Ceo di Norilsk Nickel, ricevendo secondo quanto riferito un compenso d'oro di 100 milioni di dollari quando si è dimesso dopo quattro anni circa un decennio fa. Ha servito per breve periodo come vice ministro dell'economia della Russia ed è attualmente nel consiglio di amministrazione della squadra di calcio della Dynamo Mosca. Non è nella lista degli oligarchi dell'Unione europea sanzionati in conseguenza della guerra della Russia contro l'Ucraina. La Norvegia, che non è membro dell'Ue, ma è strettamente associata ad essa e al suo quadro giuridico attraverso l'adesione allo Spazio economico europeo, sostiene le sanzioni già imposte. Un funzionario del governo norvegese ha detto ai media del paese che la nave potrebbe essere confiscata solo se l'azione fosse supportata da una direttiva dell'Ue.

© RIPRODUZIONE RISERVATA