Nuova Zelanda, il manifesto del killer: «Sono fascista, mi ispiro a Breivik». Strage annunciata su forum online

Venerdì 15 Marzo 2019
Nuova Zelanda, nel manifesto la vendetta per i morti da invasori e i nomi di Traini e Breivik

Nel manifesto del killer di Christchurch l'odio per i musulmani e la vendetta per i morti da invasori: «Vorrei solo che avessi potuto uccidere più invasori e anche traditori»: lo aveva scritto l'autore della strage di Christchurch, Brenton Tarrant, ancora prima di compierla, nel suo manifesto di 74 pagine pubblicato online prima degli attacchi contro due moschee della città neozelandese. Lo riporta il sito australiano News.com.au.

Nuova Zelanda, chi è il killer delle moschee: Brenton Tarrant, 28 anni, suprematista bianco

Nuova Zelanda, le immagini della strage in livestream su Facebook come in un videogame

«Ho letto gli scritti di Dylan Roof e molti altri, ma ho preso la mia vera ispirazione solo dal Knight Justiciar Breivik», si legge inoltre. Tarrant si riferisce ad Anders Behring Breivik, il terrorista islamofobo di estrema destra norvegese che nel luglio del 2011 uccise 77 persone a Oslo e sull'isola di Utoya. Breivik, come è noto, aveva adottato lo stemma del 'Justiciar Knight', l'ordine massonico templare a cui apparteneva.

Il delirante manifesto di estrema destra. Nello scritto pubblicato sui social, una sorta di rivendicazione degli attacchi intrisa di ideologia di estrema destra, anti-Islam e anti-immigratidi, Brenton Tarrant inneggia anche alla morte della cancelliera tedesca Angela Merkel, del presidente turco Recep Tayyp Erdogan e di Sadiq Khan, sindaco laburista di Londra figlio di immigrati pachistani musulmani. Lo sottolinea la stampa britannica osservando come l'uomo, cittadino australiano, rivendichi le sue origini «inglesi, scozzesi e gallesi». Immediata la replica di Khan: «Londra celebrerà sempre quella diversità che qualcuno cerca di distruggere».

La strage preannunciata sul forum online. L'autore della strage nelle due moschee della città neozelandese di Christchurch, Brenton Tarrant, aveva preannunciato il suo gesto su un forum online e pianificava gli attacchi da due anni: è quanto emerge dal manifesto anti-migrati di 74 pagine dello stesso Tarrant pubblicato su Internet. Il terrorista, riporta il sito australiano News.com.au, aveva preannunciato la strage sul forum '8chan' e ha scelto di colpire la Nuova Zelanda - che non era il suo obiettivo originale - solo tre mesi fa.
 


«Io sostengo molti di quelli che hanno preso una posizione contro il genocidio etnico e culturale. Luca Traini, Anders Breivik, Dylan Roof, Anton Lundin Pettersson, Darren Osbourne...». È quanto si legge nel manifesto che ha pubblicato online Brenton Tarrant, l'estremista di destra che è stato identificato dalla polizia australiana come il responsabile della strage nelle moschee in Nuova Zelanda. È quanto riporta il sito del Guardian.

Insieme a Traini, viene citato il terrorista norvegese responsabile degli attentati del luglio 2011 - la bomba ad Oslo e poi l'assalto al raduno dei giovani socialisti ad Utoya- che provocarono la morte di 77 persone. Tarrant rivolge poi il suo omaggio anche a Dylan Roof, il suprematista bianco americano che nel giugno del 2015 ha ucciso 9 persone in una chiesa afroamericana di Charleston e che è stato condannato a morte. Anton Lundin Pettersson nel 2015 attaccò una scuola in Svezia, pugnalando a morte tre persone, rimanendo poi ucciso dagli agenti intervenuti. La polizia svedese stabilì che il 21enne aveva agito per motivazioni razziste, scegliendo una scuola di un quartiere con un'alta percentuale di immigrati. Infine, l'omaggio del terrorista è stato rivolto a Darren Osborne, condannato all'ergastolo in Gran Bretagna per l'attacco alla moschea di Finsbury Park nel giugno del 2017.

Vendetta per i morti da invasori. L'attacco contro le due moschee nella città neozelandese di Christchurch costato la vita ad almeno 49 persone è stato un atto di «vendetta contro gli invasori, per le centinaia di migliaia di morti causate da invasori stranieri sulle terre europee nella storia... per la schiavitù di milioni di europei prelevati dalle loro terre dagli schiavisti islamici... (e) per le migliaia di vite umane perse in attacchi terroristici in tutte le terre europee»: lo ha scritto lo stesso autore della strage, Brenton Tarrant, nel suo manifesto di 74 pagine pubblicato online, secondo quanto riporta il sito australiano News.com.au.

Ultimo aggiornamento: 14:53 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

«Gli strapperei le braccia»: Dessì e la cura al malaffare

di Simone Canettieri

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma