Norvegia, l'ordine dell'esercito ai soldati: «Dovete restituire la biancheria intima»

Una delle difficoltà della pandemia: la difficoltà nelle forniture che sta mettendo a dura prova le catene globali

Norvegia, l'ordine dell'esercito ai soldati: «Dovete restituire la biancheria intima»
di Gabriele Rosana
3 Minuti di Lettura
Lunedì 10 Gennaio 2022, 08:32

Restituite calze e mutande, non ne abbiamo abbastanza. L'esercito norvegese ha diffuso un nuovo ordine fra i soldati: al termine del periodo di leva, i cadetti dovranno riconsegnare non soltanto l'uniforme ma anche la biancheria intima ricevuta dall'apparato della Difesa, che sarà pulita e ridistribuita alle nuove reclute. Dai boxer ai reggiseni, nessun capo è escluso. La ragione non è solo la volontà di diventare (ancor) più sostenibili, esplorando nuovi orizzonti dell'economia circolare, ma in prima battuta la difficoltà nelle forniture che sta mettendo a dura prova le catene globali. Compresa quella dell'abbigliamento destinato alle Forze Armate scandinave.

Imprese, Burelli: «Lavoriamo il 15% in meno, ma se i positivi crescono per l'acciaieria sarà dura»


LA PANDEMIA
Con la chiusura di alcuni siti produttivi e le interruzioni nella logistica, la pandemia ha del resto creato intoppi per vari tipi di approvvigionamento a varie latitudini: negli scorsi mesi sono mancate taniche di carburante, mascherine e microchip, ma pure birre e milkshake. Il caso più singolare arriva però dai freddi nordici. «Non abbiamo abbastanza intimo in magazzino. La scelta di riutilizzare anche queste componenti del kit delle reclute ci aiuterà», ha spiegato all'emittente pubblica Nrk il portavoce della logistica della Difesa Hans Meisingset. Il nuovo regime, inizialmente pensato come volontario, è stato nei giorni scorsi reso obbligatorio per tutte le nuove leve. Nulla da temere per le condizioni in cui vengono passati di mano gli indumenti intimi, rassicurano dalla Difesa norvegese: «Tutto sarà lavato, pulito a fondo e controllato. Distribuiremo soltanto i capi che saranno in buone condizioni». Fra i cadetti che non potranno più lasciare le caserme con indosso calze e mutande (oltre che stivali e berretti) forniti dell'esercito, per ora si registra scetticismo per una scelta «problematica», ma anche preoccupazione per le carenze degli ultimi tempi «che mettono a repentaglio la nostra prontezza operativa e persino la sicurezza dei soldati», alcuni dei quali costretti a indossare calze di lana bucate - ha denunciato un esponente sindacale - avendone ricevuto soltanto un paio per l'intera durata della coscrizione.
Ogni anno sono circa 8mila i giovani uomini e donne che svolgono il servizio militare in Norvegia, dove vige - primo fra i principali Stati occidentali a introdurla - la leva obbligatoria universale per una durata in media di un anno.


LA NATO
Il Paese, che spesso ospita esercitazioni militari della Nato, rappresenta un fronte particolarmente sensibile per gli equilibri geopolitici europei, visto che condivide 197 chilometri di frontiera con la Russia. Negli ultimo otto anni ha espresso pure il segretario generale dell'Alleanza Atlantica, l'ex premier Jens Stoltenberg. Non è la prima volta che a Oslo la biancheria dei soldati finisce sotto la lente dei media internazionali: nel 2015 l'esercito aveva reso pubblica la volontà di sostituire tutto l'intimo in materiali sintetici con capi in cotone biologico di produzione locale, un atto di responsabilità nei confronti dell'ambiente ma anche dell'industria nazionale, spiegarono allora fonti delle Forze Armate.

© RIPRODUZIONE RISERVATA