Norvegia, crescita record di contagi negli ultimi giorni: slitta la fine delle restrizioni sanitarie

Norvegia, crescita record di contagi negli ultimi giorni: slitta la fine delle restrizioni sanitarie
2 Minuti di Lettura
Giovedì 2 Settembre 2021, 15:29

Slitta la riapertura in Norvegia che ha deciso di rimandare la riapertura totale e la fine delle restrizioni sanitarie per far fronte alla crescita record di nuovi casi di Covid-19 negli ultimi giorni. Inoltre offrirà i vaccini anche alla popolazione adolescente fra i 12 e i 15 anni. «Riaprire oggi accrescerebbe il rischio di contaminazioni», ha dichiarato la prima ministra Erna Solberg in conferenza stampa. La data della riapertura è stata rinviata a fine settembre, quando il governo prevede che sarà raggiunto il 90% di copertura vaccinale, che attualmente è al 71,9%. 

Variante Delta, paura scuole dalla Cina al Giappone. In Indonesia divieto di parlare in classe (e mense chiuse)

Solo due giorni fa, in Norvegia, sono state registrate 1.796 nuove infezioni da Ccovid, il numero più alto dall'inizio della pandemia e questo nonostante il programma di vaccinazione abbia già raggiunto oltre il 70 per cento della popolazione (sono  5,3 i milioni di abitanti). Nergli ultimi giorni è cresciuto anche il numero dei ricoveri: martedì, 89 pazienti malati di COVID sono stati ricoverati negli ospedali di tutta la Norvegia, comprese le unità di trattamento respiratorio e di terapia intensiva, con un aumento di dieci pazienti rispetto al giorno prima. La panoramica dei tassi d'infezione indica che l'indice è passato in sette giorni da 11 a 23,1 per 100.000 abitanti, mettendo il Paese al di sopra di Finlandia, Danimarca e Islanda nell'arco di una sola settimana. «Abbiamo raggiunto uno dei livelli più alti del Nord Europa per quanto riguarda l'infezione pro capite in Norvegia. Questa è una novità ed è dovuta al fatto che abbiamo avuto un forte aumento nelle ultime settimane, sopratutto nell'ultima», ha detto il funzionario della direzione sanitaria nazionale Espen Nakstad, avvertendo che la situazione avversa potrebbe anche peggiorare.

© RIPRODUZIONE RISERVATA