Non solo Kgb: spunta il tesserino identificativo, Putin era anche agente della Stasi

Martedì 11 Dicembre 2018
Non solo Kgb: il presidente della Russia sarebbe stato anche un agente della Stasi. L'ipotesi viene dalla Germania, dove è stata ritrovato un tesserino identificativo della polizia politica dell'ex Germania Est con il nome e la fotografia di Putin, giovanissimo, in quel periodo di stanza a Dresda come agente operativo del Kgb. Di fatto un piccolo giallo.

«Il suo nome - racconta dice infatti alla Bild Konrad Felber, capo degli archivi della Stasi - non compare nell'unico file dove sono elencati i nomi degli agenti russi a cui erano stati forniti questi documenti». Il tesserino in questione è stato emesso il 12 dicembre del 1985 - quando Putin aveva 33 anni - ed è stato rinnovato a cadenza trimestrale sino alla fine del 1989, quando è caduto il muro di Berlino. Ovvero il periodo tedesco del maggiore Putin. Che rientrò in patria nel 1990, proprio mentre crollava l'Unione Sovietica.

«Sino ad oggi non si sapeva che la Stasi gli avesse fornito un tesserino identificativo», dichiara Felber. Il distintivo, d'altra parte, portava con sé indubbi vantaggi, come quello di avere accesso totale agli uffici della Stasi, di far battere i tacchi a qualunque agente di polizia della città e, soprattutto, di poter passare per l'appunto come agente della Stasi e dunque di poter celare la propria appartenenza al Kgb se la circostanza lo richiedeva - escamotage utile per chi, come Putin, tra i suoi compiti aveva quello di reclutare agenti tedeschi per meglio impicciarsi nelle vite degli altri.

Il Cremlino non ha smentito. «Non è escluso che sia vero», ha detto il portavoce Dmitri Peskov, indirizzando però la curiosità dei giornalisti all'Svr, i servizi segreti esterni russi. «A quel tempo il Kgb e la Stasi erano alleati e dunque uno scambio di questo tipo è possibile», ha argomentato il portavoce del Cremlino. L'Svr, dal canto suo, si è rifiutato di rilasciare ogni commento.

Putin, un mese dopo la caduta del muro, dovette fronteggiare una piccola folla inferocita intenzionata ad assaltare la sede di Dresda del Kgb: se la cavò bluffando, dicendo che aveva ricevuto ordine da Mosca di sparare in caso di disordini. Ma non era vero. I telefoni erano muti. L'episodio lo lasciò sotto shock e ben spiega la sua 'ossessionè per la stabilità e la totale avversione contro i vuoti di potere.
Ultimo aggiornamento: 13 Dicembre, 08:03 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma, mille guai e un miracolo: per Natale i turisti in aumento

di Mauro Evangelisti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma