Navalny era sorvegliato durante viaggio in Siberia. «Sapevamo di essere seguiti»

Domenica 23 Agosto 2020
1
Russia, Navalny sorvegliato durante viaggio in Siberia. «Sapevamo di essere seguiti»

Alexei Navalny, durante il viaggio in Siberia, sarebbe stato sottoposto ad un'estesa sorveglianza da parte del governo, prima di sentirsi male a causa di un sospetto avvelenamento. Lo scrive il quotidiano russo Moskovsky Komsomolets, citando fonti di polizia, secondo quanto riporta il Guardian. «I servizi di sicurezza sono inclini a credere che se gli eventi legati ad un avvelenamento si sono verificati, probabilmente si sono verificati in aeroporto o in aereo», scrive il giornale russo. Secondo il Guardian, la fuga di notizie è stata pilotata proprio per dimostrare che Navalny non è stato avvelenato in città.

LEGGI ANCHE Navalny, aereo partito per la Germania. Dottoressa: «Perso tempo per cancellare tracce veleno»

Al giornale russo le fonti di polizia hanno descritto i movimenti e gli incontri di Navalny a Tomsk (l'ultima città visitata prima di dirigersi in aeroporto), identificando l'appartamento in cui si trovava, monitorando una consegna di sushi, raccogliendo le sue ricevute da un negozio locale e seguendolo durante un breve viaggio fuori città per una nuotata serale nel fiume Tom.

LEGGI ANCHE Navalny, i medici russi: «Nessun veleno nel sangue». Sarà trasferito in Germania

Commentando l'articolo del giornale russo, l'addetta stampa di Navalny Kira Yarmysh ha detto: «Eravamo consapevoli del fatto di essere stati seguiti. Succede sempre quando Alexei si reca nelle regioni per un viaggio di lavoro. Quindi il dettaglio non ci sorprende affatto. Ciò che sorprende è il fatto che abbiano deciso di rivelarlo al pubblico in modo così casuale, come se non fosse un grosso problema seguire i normali cittadini e persino guardare gli scontrini del supermercato».

© RIPRODUZIONE RISERVATA