Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Moskva, il drone per distrarre i radar e il missile Neptune durante la tempesta. L'esperto: «Ecco come gli ucraini l'hanno affondato»

L'esercito avrebbe usato un drone Bayraktar per attirare il sistema di difesa della nave e colpirla con un missile lanciato dalla costa

Moskva, il drone per distrarre i radar e il missile Neptune durante la tempesta. L'esperto: «Ecco come gli ucraini l'hanno affondato»
3 Minuti di Lettura
Venerdì 15 Aprile 2022, 10:34 - Ultimo aggiornamento: 16 Aprile, 18:51

La Russia ha perso ieri la sua arma più importante nel Mar Nero. L'incrociatore missilistico Moskva è la nave militare più grande mai affondata dalla seconda guerra mondiale. Più grande del General Belgrano argentino, distrutto dalla marina inglese nel 1982 durante il conflitto delle Falkland.

Ufficialmente, secondo il Cremlino, l'incidente sarebbe scaturito da un incendio divampato a bordo e la nave sarebbe affondata mentre veniva rimorchiata. Dall'Ucraina invece rivendicano l'attacco e la vittoria militare. Ma come sono riusciti a colpire un incrociatore così tecnologicamente sofisticato e armato?

Moskva, perché è così importante? Il valore dell'incrociatore lanciamissili più grande del Mar Nero (e il duro colpo a Putin)

 

La strategia degli ucraini

Una lettura la fornisce l'esperto di guerra Chris Owen, secondo cui l'esercito ucraino avrebbe usato un drone Bayraktar TB-2 per "distrarre" i radar della nave, in modo da poter colpire al fianco l'incrociatore. Gli UAV sono spesso utilizzati per monitorare i movimenti delle flotte e anche per attaccare. Secondo l'esperto, il radar del Moskva avrebbe un campo visivo di soli 180 gradi, utilizzato per guidare i missili S300.

Così, il drone sarebbe decollato spostando l'attenzione dei sistemi di difesa e nel frattempo sarebbe stato lanciato un missile Neptune dalla costa, che sarebbe andato a segno. Ad aiutarli, il mare in tempesta, che avrebbe contribuito a celare l'attacco. Una mossa studiata nei minimi dettagli, dunque. Questo tipo di missili di progettazione ucraina sono a disposizione dell'esercito solo dal 2019. L'attacco al Moskva sarebbe dunque tra i primi con questo tipo di armi. 

La certezza della strategia militare non ci sarà mai, molto probabilmente. Quel che è sicuro, è che il Moskva è affondato, lasciando la Russia in estrema difficoltà nel Mar Nero e costretta a rivedere i piani d'attacco per la conquista di Odessa, che dopo questo evento è diventata estremamente più complicata.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA