Marito e moglie muoiono di Covid a poche ore di distanza l'uno dall'altra: lasciano due figli. Erano indecisi sul vaccino

Coppia muore di Covid a poche ore di distanza l'uno dall'altra: lasciano due figli. Erano indecisi sul vaccino
3 Minuti di Lettura
Martedì 17 Agosto 2021, 17:18 - Ultimo aggiornamento: 17:20

Martin e Trina Daniel, sposati per 22 anni, sono morti entrambi di Covid-19 a poche ore di distanza l'uno dall'altra, lasciando due figli adolescenti. Martin, 53 anni, Trina, 49 anni, e i loro ragazzi - tutti non vaccinati - hanno contratto il coronavirus a giugno, ha detto la famiglia a Abcnews. Erano indecisi se vaccinarsi o meno, erano spaventati ed esitanti.  La coppia viveva a Savannah, in Georgia, dove sono cresciuti i figli Miles, ora 18 anni, e Marina, 15.

Trina era una mamma casalinga che amava sostenere la sua famiglia immediata ed estesa, mentre Martin lavorava come chimico, ha detto Cornelius Daniel, il nipote.

Variante Delta, terza dose vaccino a tutti gli americani «necessaria dopo 8 mesi»: il governo Usa corre ai ripari

Poi alla fine, i Daniels, avevano deciso di ricevere il vaccino e hanno prenotato la loro dose fissata per metà luglio. Ma i sintomi del coronavirus sono comparsi già a fine giugno al punto che il 4 luglio sono sorte le prime complicanze.

Martin Daniel è morto a casa il 6 luglio e Trina è stata ricoverata in ospedale ed è morta quella notte, ha detto la famiglia.

I figli, Miles e Marina, sono rimasti orfani mentre erano ricoverati in ospedale. La famiglia, racconta Abcnews, ha lasciato Miles al college questo fine settimana e Marina sta iniziando il suo secondo anno di scuola superiore. Miles e Marina ora hanno intenzione di farsi vaccinare. «Le uniche pallottole che abbiamo in questo momento nella nostra pistola sono i vaccini», ha detto il nipote della coppia deceduta, Cornelius. «Quindi preferirei un vaccino a un ventilatore ogni giorno. Troppe famiglie hanno già sperimentato il dolore che stiamo provando noi».

Vaccino, terza dose in arrivo: ecco quando e chi avrà priorità. E Francia e Germania la consigliano a tutti

© RIPRODUZIONE RISERVATA