Muore di overdose da paracetamolo, ospedale sotto accusa. «Laura pesava solo 36 kg»

«Per due giorni l'hanno imbottita di farmaci. È tutto lì, nel referto»

Muore di overdose da paracetamolo, ospedale sotto accusa. «Laura pesava solo 36 kg»
di Alessandro Strabioli
3 Minuti di Lettura
Sabato 20 Novembre 2021, 20:01 - Ultimo aggiornamento: 22 Novembre, 09:51

La famiglia di una giovane donna morta a causa di un'overdose di paracetamolo in un ospedale pubblico inglese, ha deciso di avviare un'azione legale contro la struttura sanitaria. Laura Higginson, praticante avvocato e mamma di due figli, si era recata in ospedale per curare una polmonite nell'aprile 2017. Ma la donna è deceduta due settimane dopo per insufficienza multiorgano e sepsi. Il Whiston Hospital, nel Merseyside, come riporta il giornale The Independent, ha ammesso l'overdose come causa del decesso, ma ha anche negato ogni responsabilità, fornendo un resoconto della vicenda assai diverso ed escludendo, di fatto, la colpa. 

Il rapporto

Eppure, i rapporti degli esperti interpellati dall'Independent, incluso uno specialista del fegato, sembrerebbero inchiodare l'ospedale alle proprie responsabilità. La donna - che pesava solo 36 kg - avrebbe sofferto di un'insufficienza epatica a causa dell'assunzione di una dose eccessiva di paracetamolo. L'errore è stato riconosciuto dal personale medico il terzo giorno, ma la famiglia di Laura non è mai stata informata. Di contro, i medici avrebbero redatto un referto «disseminato di inesattezze», insabbiando la vicenda. Sono queste le parole usate dal marito di  Laura, Antony Higginson, in un'intervista all'Independent: «Vogliamo solo giustizia; non ci interessano i soldi. Laura è morta inutilmente e tutte le istituzioni incaricate di garantire cure sicure hanno fallito di punto in bianco rendendo la vita di Laura un numero, una statistica priva di valore»

La denuncia 

Antony, ex soldato, ha speso migliaia di sterline costringendo il sistema a riaprire il caso. Un terzo medico legale ha ora aperto un'inchiesta. Il Crown Prosecution Service (CPS) ha confermato che sta valutando se portare accuse di omicidio colposo contro il St Helens and Knowsley Teaching Hospitals Trust, che gestisce il Whiston Hospital, dopo che un fascicolo stato passato loro dalla polizia del Merseyside. I ritardi nel prendere una decisione sul caso hanno spinto la famiglia di Laura a parlare. La madre della giovane, Denise, è stata chiara: «Siamo ostacolati in ogni momento e non è giusto».

La morte di Laura non sembra un caso isolato. Il sovradosaggio di adulti sottopeso nei reparti ospedalieri del SSN è stato segnalato dall'organismo di vigilanza sulla sicurezza, l'Healthcare Safety Investigation Branch, in un rapporto all'inizio di quest'anno. Ci sono stati sei incidenti al St Helen's Trust negli ultimi quattro anni in cui i pazienti hanno ricevuto una dose di paracetamolo più alta di quella che avrebbero dovuto avere a causa del basso peso corporeo.

Alessandro Strabioli

© RIPRODUZIONE RISERVATA