Montreal, raso al suolo il maniero del re di Pornhub: distrutta in un incendio doloso la reggia da 20 milioni di dollari

Montreal, raso al suolo il maniero del re di Pornhub: distrutta in un incendio doloso la reggia da 20 milioni di dollari
3 Minuti di Lettura

Non è rimasto niente. A Cartierville, un quartiere di Montreal, in Canada, il palazzo in costruzione di Feras Antoon, il capo di Mindgeek, proprietario del famoso sito di video pornografici Pornhub, è stato completamente distrutto da un incendio doloso, nella notte tra domenica e lunedì. La polizia ha ricevuto una chiamata alla fine della serata dopo che due persone erano state viste entrare nell'edificio. La villa, ancora in costruzione, era stata recentemente messa in vendita per circa 20 milioni di dollari canadesi. L'agenzia immobiliare che si è occupata della vendita dell'immobile cita ancora l'esclusività del luogo: otto camere da letto, sette bagni di cui quattro con doccia, un campo da basket che può fungere da salone delle feste, un garage abbastanza ampio. auto, una grande piscina. Il tutto su un terreno di oltre 5000 m2.

Usa2016, agli amanti del sesso di PornHub piace Bernie Sanders

«Non sono sorpreso dell'incendio. Questa villa non era molto popolare nel quartiere», ha testimoniato al quotidiano La Presse un vicino di Feras Antoon. Dopo l'acquisto della proprietà da parte del boss di Pornhub nel 2016, il Comune di Montreal aveva autorizzato l'abbattimento di 220 alberi per costruire la residenza del milionario, prima di opporsi, ma un giudice si è pronunciato a favore di Feras Antoon che ha poi potuto radere l'area e costruire. Nessun arresto è stato effettuato lunedì, secondo i media del Quebec. Gli investigatori sono giunti sul posto per determinare le circostanze della tragedia. Secondo il quotidiano L'Actualité , i vigili del fuoco hanno dovuto superare diversi focolai in casa.

Scozia, boom di accessi a sito porno nel giorno del referendum per l'indipendenza

Per Feras Antoon, questa è un'ulteriore preoccupazione. Mindgeek, che possiede centinaia di marchi di siti porno oltre a Pornhub, è stata presa di mira dalle rivelazioni del New York Times a dicembre . Il quotidiano ha scritto in particolare che Pornhub consente la pubblicazione di video di minori e stupri. Il New York Times ha anche intervistato le vittime che hanno affermato di essere finite sulla piattaforma senza il loro consenso, alcune avendo tentato il suicidio. Pornhub ha annunciato, pochi giorni dopo, la cancellazione di contenuti da utenti "non verificati" .

Martedì 27 Aprile 2021, 10:19
© RIPRODUZIONE RISERVATA