Modella colpita da proiettile vagante mentre va al lavoro: è clinicamente morta

Sabato 13 Ottobre 2018
Kelsey Quayle, foto da Instagram

Uno sparo mentre era alla guida dell'auto. Una giovane modella, Kelsey Quayle, 28 anni, sta lottando tra la vita e la morte dopo essere stata misteriosamente colpita al collo mentre guidava la sua auto in Georgia. Kelsey è ricoverata all'ospedale, attaccata a una macchina, in supporto vitale, dopo essere stata centrata da un proiettile lunedì mattina nella contea di Clayton.

LEGGI ANCHE Colpita da un proiettile vagante: Mariapia non è operabile
 

 


La ragazza ha guidato nel traffico, probabilmente tentando di arrivare all'ospedale, ma si è schiantata contro altre tre vetture mentre era al volante della sua Mazda 626. La modella si era trasferita in Georgia qualche mese fa con il suo ragazzo per lavoro. Ed era proprio diretta nell'ufficio di un dentista a Riverdale, verso le 7 di mattina, quando è stata colpita.
 

«È bellissima, è la persona più dolce che sia, una ragazza umile, nonostante il suo aspetto e il lavoro come modella. Amava tutti, tutti l'amavano», racconta la sua famiglia al Daily Mail. Ad oggi non hanno ancora idea del motivo per cui è stata presa di mira, gli investigatori pensano che possa essere stata vittima di un fuoco incrociato. 

La  famiglia di Kelsey, distrutta dal dolore, si è riunita all'ospedale di Grady dove i medici si stanno preparando a staccare la spina del suo supporto vitale.   

L'altra mattina all'alba gli ufficiali di polizia hanno risposto a una chiamata a quello che inizialmente sembrava un incidente che aveva coinvolto più auto. Ma proprio durante i primi soccorsi si sono accorti che la ragazza era stata colpita alla testa da un proiettile vagante.

I familiari hanno detto all'emittente Fox 5 News che il proiettile è entrato nel collo di Quayle, recidendo il midollo spinale alla base del cervello, provocando danni cerebrali catastrofici e lasciando la giovane modella senza speranza di sopravvivere.

Ultimo aggiornamento: 15:34 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

"Viaggio sul 44, l'autobus del diavolo"

di Pietro Piovani