Missile ipersonico degli Stati Uniti lanciato con successo: è capace di traiettorie non intercettabili

Il test era stato posticipato di circa un mese per alcune anomalie. Sabato scorso il lancio in California dal bombardiere B52-H

Missile ipersonico degli Stati Uniti lanciato con successo: la risposta dell'Air Force a Russia e Cina
4 Minuti di Lettura
Martedì 17 Maggio 2022, 13:01 - Ultimo aggiornamento: 18 Maggio, 12:08

La guerra dei missili continua a velocità mai raggiunte prima. Dopo i testi di Russia, Cina e Corea del Nord, è il turno degli Stati Uniti. L'Air Force ha annunciato di aver effettuato con successo il lancio del suo missile ipersonico, rinviato di circa un mese per alcune anomalie sui test di volo. L'arma a risposta rapida è stata sganciata con successo da un bombardiere B-52H al largo della costa della California meridionale sabato sabato scorso e ha raggiunto Mach 5. Non certo il massimo per un missile (quelli che portano gli astronauti in orbita, ad esempio, arrivano anche a 18 volte la velocità del suono) ma quello che conta è la capacitità di cambiare traiettoria a quelle velocità rendendo molto difficile le contromanovre per le intercettarlo. Il generale Heath Collins, ufficiale esecutivo del programma per le armi dell'Air Force, ha commentato con soddisfazione il lancio: «È un risultato importante per l'Air Force». 

«Il nostro team altamente qualificato ha scritto la storia su questa prima arma ipersonica lanciata dall'aria», ha affermato il tenente colonnello Michael Jungquist, direttore del 419th Flight Test Squadron e della Global Power Bomber Combined Test Force, che ha eseguito il test. «Stiamo facendo tutto il necessario per portare approvare quest'arma rivoluzionaria il prima possibile». 

Mozart Group, i veterani Usa che addestrano gli ucraini. Il leader: «Ecco come fermiamo i russi»

L'ARRW degli Stati Uniti

L' AGM-183 ARRW (questo il nome del missile ipersonico) utilizza un razzo booster per portare il missile a velocità superiori a Mach 5, cinque volte la velocità del suono. Un veicolo planante ipersonico si separa quindi dal booster e plana ad alta velocità verso il suo bersaglio. Prima di questo lancio lo sviluppo dell'arma aveva dovuto affrontare tre test falliti. Nel primo e nel terzo test, il prototipo dell’AGM-183A non si sganciò nemmeno dal B-52H che lo trasportava. Durante il secondo test, il missile si era separato dal velivolo ma senza l’accensione del motore facendolo cadere in mare. Il primo test completo del missile e del razzo è stato posticipato al prossimo anno fiscale, che inizierà a ottobre.

Un giorno prima di questo test, il segretario dell'Air Force Frank Kendall aveva parlato dei problemi riscontrati dal programma ARRW. «Finora il programma non ha avuto successo nella ricerca e nello sviluppo. Vogliamo vedere una un test positivo prima di prendere la decisione sull'impegno per la produzione, quindi aspetteremo e vedremo».

 

Il Pentagono ha posto una maggiore enfasi sullo sviluppo di armi ipersoniche dopo che i legislatori si sono preoccupati che gli Stati Uniti fossero indietro rispetto ai programmi cinese e russo. Il Pentagono ha affermato che la Russia ha utilizzato tra le 10 e le 12 armi ipersoniche dall'inizio della sua invasione dell'Ucraina. A metà marzo, gli Stati Uniti hanno testato con successo il loro prototipo d'arma ipersonica respira-aria (HAWC), ma hanno mantenuto il silenzio per evitare un'escalation delle tensioni con la Russia mentre il presidente Joe Biden stava per visitare l'Europa. 

Il programma Lockheed Martin Hypersonic ARRW – Air-launched Rapid Response Weapon mira a fornire una capacità di armi ipersoniche convenzionali, all’US Air Force, progettate per percorrere 500 miglia in soli 10 minuti una volta lanciate da un bombardiere B-52. Sono 3000 mph, contro circa 500 mph di un’arma convenzionale!

Le armi ipersoniche forniscono una risposta rapida, e una capacità critica per superare il problema della distanza in ambienti contestati utilizzando alta velocità, altitudine e manovrabilità. Un’arma ipersonica operativa lanciata da un aereo consentirà agli Stati Uniti di attaccare bersagli terrestri fortemente difesi e di alto valore in ambienti contestati e da grandi distanze.

© RIPRODUZIONE RISERVATA