Migranti, record di sbarchi in Gran Bretagna. E ora Johnson attacca Macron

Migranti, record di sbarchi in Gran Bretagna. E ora Johnson attacca Macron
di Diodato Pirone
2 Minuti di Lettura
Giovedì 5 Agosto 2021, 17:36 - Ultimo aggiornamento: 6 Agosto, 11:53

Il fenomeno dell'immigrazione illegale ha ripreso a irritare la Gran Bretagna. Mercoledì scorso sulle spiagge inglesi sono sbarcati quasi 500 migranti ed è stata così superata la quota di 10.000 ingressi dall'inizio dell'anno, un numero che nel 2020 era stato raggiunto a dicembre.

Il governo di Londra non nasconde più la sua irritazione nei confronti della Francia. Il primo ministro Boris Johnson ha attaccato il presidente francese Emmanuel Macron accusato di fare meno del necessario per fermare i migranti che partono di notte dalle spiagge francesi per attraversare la Manica. Spesso la traversata viene fatta su piccole imbarcazioni, talvolta in condizioni precarie ed è un miracolo se la conta degli affogati nel canale della Manica è di dimensioni ridotte.

Migranti, incessanti gli sbarchi a Lampedusa: oggi altri 102 arrivi. Hotspot al collasso, 160 persone trasferite a Crotone

Per correre ai ripari il Parlamento di Londra sta esaminando una legge che aumenta le pene per i trafficanti di esseri umani e concede più poteri al ministero dell'Interno per i rimpatri. Alcuni deputati parlano apertemente di "modello Australia" per l'immigrazione clandestina visto che ormai da tre anni l'Australia ha schierato la sua marina militare per intercettare le barche cariche di migranti destinandoli ad un'isola da dove poi vengono ricondotti nei loro paesi d'origine.

Il mese scorso il ministero dell'Interno britannico ha anche annunciato un nuovo accordo con la Francia per raddoppiare il numero di pattuglie della polizia sulle spiagge francesi.

L'accordo ha suscitato molta contrarietà in alcuni ambienti inglesi, con il Regno Unito che ha accettato di assegnare alla Francia 54 milioni di sterline in più per pagare gli stipendi del personale impegnato nei controlli anti-sbarco.

© RIPRODUZIONE RISERVATA