Miami, 4 morti e 159 dispersi nel palazzo crollato: si scava fra le macerie. Dichiarato lo stato di emergenza

Miami, 4 morti e 159 dispersi nel palazzo crollato: si scava fra le macerie. Dichiarato lo stato di emergenza
5 Minuti di Lettura
Venerdì 25 Giugno 2021, 09:03 - Ultimo aggiornamento: 26 Giugno, 11:14

Tre morti, 10 feriti, 102 persone portate in salvo e - il dato più terribile - 99 dispersi a Miami. Continuano i lavori dei soccorritori in Florida dopo che ieri si è sbriciolato nella notte un palazzo di 12 piani. L'edificio, nel complesso Champlain Towers, si trova nella zona di Surfside, nella contea di Miami-Dade. «Non molliamo - ha detto il sindaco Charles Burkett in dichiarazioni riportate dalla Cnn - Negli Stati Uniti gli edifici non crollano in questo modo. È una catastrofe». Il bilancio riportato dalla Abc parla sempre di tre morti e 99 dispersi. Non è ancora chiaro cosa abbia provocato il crollo.

 

Palazzo crollato a Miami, i soccorsi

Surfside è un piccolo comune duvenuto però assai noto quale una delle zone più esclusive della Biscayne Bay, dove anche Ivanka Trump ha una casa in affitto, tra il Four Seasons e l'Eighty Seven, il nuovo palazzo di Renzo Piano. Il primo bilancio indicava almeno un morto, una decina di feriti (di cui uno ricoverato) e 35 tratti in salvo. Ma gli oltre 51 dispersi - tra cui la sorella della first lady del Paraguay e 20 cittadini israeliani - fanno temere il peggio in termini di vittime, come hanno avvisato le autorità locali, mentre centinaia di pompieri e soccorritori cercano sopravvissuti in uno scenario apocalittico, anche con cani e droni.

Video

Prima però sono necessari lavori di consolidamento per evitare altri cedimenti. «Spero per il meglio ma ci stiamo preparando a qualche brutta notizia, data la distruzione che abbiamo visto», ha ammesso il governatore repubblicano Ron DeSantis, accorso sul posto. «L'edificio si è letteralmente appiattito come un pancake e questo significa che non avremo il successo che vogliamo nel trovare persone vive», gli ha fatto eco il sindaco di SurfSide Charles Burkett, riferendo che secondo il building manager la torre era piena al momento del disastro, intorno alle 2 di notte locali, anche se non è chiaro il numero esatto di persone presenti. In genere ci vivono residenti stagionali, che vengono a svernare o a passare le vacanze estive.

Ancora ignote le cause dell'incidente: «È difficile immaginare come sia potuto accadere, gli edifici non cadono giù da soli», ha sottolineato il primo cittadino. Informato dell'accaduto anche il presidente Joe Biden, che ha parlato con le autorità locali e statali. Il crollo ha interessato un condominio a forma di L costruito nel 1981 con oltre 130 unità, di cui circa 80 occupate. A collassare è stata una delle tre ali, con i balconi e i pavimenti degli appartamenti che cadevano uno sopra l'altro, come un castello di carte. Le immagini delle videocamere di sorveglianza dell'area, mostrate dai network americani, sono impressionanti e lasciano poche speranze di trovare altri sopravvissuti, oltre ai 35 già estratti dalle macerie. Tra loro anche un ragazzo, il cui salvataggio è stato trasmesso in diretta dalle tv.

«Non avevo mai visto in tutta la mia vita così tante ambulanze, sembrava una scena da 11 settembre», raccontano alcuni testimoni, «è come se fosse scoppiata una bomba». «Peggio di un terremoto», assicurano altri. Nicholas Balboa, che si trovava nelle vicinanze, ha riferito di essere sceso in strada in piena notte dopo aver sentito un botto. «Pensavo fosse un tuono, poi ho sentito il terreno tremare», dice. Una volta avvicinatosi al luogo ha sentito una voce e visto un ragazzo fra le macerie. «Vedevo le sue braccia. Diceva non lasciarmi», racconta. È stato lui a segnalarlo ai soccorritori.

«È stato come un tuono, ma poi è continuato per almeno 15-30 secondi», conferma Barry Cohen, 63 anni, ex vice sindaco di Surfside e residente nell'edificio, anche lui messo in salvo insieme alla moglie dai pompieri. «Ci siamo precipitati verso l'uscita, abbiamo aperto la porta e ci siamo fermati terrorizzati: davanti a noi c'era una voragine spalancata di macerie», prosegue.

Cohen ha riferito anche alcune circostanze inquietanti. Anni fa aveva chiesto se i lavori di costruzione nelle vicinanze non avessero danneggiato il condominio dopo che aveva visto delle crepe sul bordo della piscina. Per oltre un mese, inoltre, ci sono stati lavori di costruzione sul tetto del palazzo, ma non è chiaro se siano stati usati macchinari pesanti e se possano aver causato il cedimento. La tragedia ha seminato lutto e dolore in una comunità di 6000 abitanti, tra cui molti vacanzieri, russi immigrati e ebrei ortodossi. Una zona che sta diventando trendy, anche se le nuove costruzioni di lusso si mescolano ancora alle vecchie, come quella crollata.

Stato di emergenza

Il governatore della Florida, Ron DeSantis, ha emesso un ordine esecutivo in cui si dichiara lo stato di emergenza a seguito del crollo del palazzo di 12 piani nella zona di Surfside, nella contea di Miami-Dade. Lo ha riferito la 'Cnn', precisando che il provvedimento permetterà di destinare all'area tutte le risorse necessarie, incluso il personale di sicurezza e di emergenza. In una nota la Casa Bianca ha riportato che il presidente Joe Biden ha approvato lo stato di emergenza e ordinato l'aiuto federale per integrare gli sforzi di risposta dello Stato meridionale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA