Terrorismo a Melbourne, fa esplodere auto e accoltella a morte un passante prima di essere ucciso dalla polizia

Venerdì 9 Novembre 2018
Terrore a Melbourne: uomo fa esplodere auto e accoltella due passanti prima di essere ucciso dalla polizia Video

Sangue in centro a Melbourne, in Australia, per un assalto di stampo terroristico che avrebbe potuto avere un bilancio ben peggiore dei due morti finora registrati: nel pomeriggio, con Bourke Street piena di passanti per lo shopping, un terrorista somalo, al grido di «Allahu Akbar» (Dio è il più grande), ha appiccato le fiamme alla propria auto e ha accoltellato tre persone prima di essere centrato dalla polizia con un colpo di pistola. Uno dei passanti è morto sull'asfalato, mentre l'aggressore ha fatto la stessa fine poco dopo in ospedale.

L'assalto è stato poi rivendicato dall'Isis attraverso l'agenzia dell'Isis, Amaq: «L'uomo armato di pugnale che ha
ucciso una persona e ne ha ferite altre due oggi a Melbourne era un «combattente» dello Stato Islamico
».

LEGGI ANCHE: Melbourne, auto contro la folla: almeno 14 feriti, grave bimbo. Due fermati

L'uomo ha innescato l'incendio del pick up con un ordigno esplosivo che per fortuna non ha fatto esplodere le bombole di gas propano liquido che il terrorista, vestito con abiti di foggia araba, aveva caricato sul mezzo.

L'assalitore ha poi accoltellato le prime persone che ha trovato nei pressi di un affollato centro direzionale. Un passante, in attesa della polizia, si è difeso scagliandogli contro un carrello da supermercato. Un agente gli ha poi sparato, colpendolo al petto,  quando l'africano si è rifiutato di gettare il coltello con cui minacciava i poliziotti.
 


Tutto ciò sotto gli occhi di centinaiai di persone molte deiie quali hanno poi diffuso sui social video e foto. «Indaghiamo per un episodio terroristico» ha detto il commissario dello stato di Vittoria, Graham Ashton. 
 
 

Secondo gli investigatori il somalo noto alle agenzie anti-terrorismo australiane a livello statale e nazionale e avrebbe avuto legami con gruppi estremisti nordafricani.
 

Ultimo aggiornamento: 10 Novembre, 09:47 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Giovani gamer isolati in casa. E intanto la pasta scuoce

di Raffaella Troili