Meghan e Harry, riunione d'urgenza tra membri della casa reale: a rischio il titolo da duchi?

Meghan e Harry, riunione d'urgenza tra membri della casa reale: a rischio il titolo da duchi?
4 Minuti di Lettura

Consultazioni, e vere proprie riunioni per la gestione di crisi, si stanno svolgendo tra i membri della casa reale britannica dopo l'intervista bomba del principe Harry e di Meghan Markle. Lo riporta il corrispondente reale della Bbc, che cita fonti di Buckingham Palace che precisano che la famiglia reale «non vuole sentirsi costretta ad affrettarsi a dire qualcosa» sulle accuse di razzismo mosse durante l'intervista.

Meghan e Harry, chi ha detto la frase razzista su Archie? Oprah Winfrey: «La Regina Elisabetta e Filippo non c'entrano»

Meghan ha tra l'altro affermato di essersi sentita abbandonata dalla Royal Family fino all'orlo del suicidio e ha denunciato assieme a Harry che un membro di casa Windsor non identificato avrebbe espresso preoccupazioni sul colore della pelle di Archie prima della nascita del piccolo.

La prima apparizione di Carlo

Intanto oggi è stata la prima apparizione pubblica dell'erede al trono britannico Carlo. Il principe di Galles si è fatto vedere per una visita a un centro di vaccinazioni anti Covid ospitato in una chiesa di Londra e ha evitato ogni commento sull'intervista. Ma, tenendo la mascherina sul volto, ha chiacchierato con alcuni infermieri e volontari, una dei quali gli ha detto di essere d'origine nigeriana: «È fantastico - la sua risposta -, molti gruppi etnici diversi qui».

Meghan e Harry, dopo l'intervista gli inglesi insorgono: «Levategli il titolo di Duchi di Sussex»

Il titolo da duchi

A dar credito al Daily Mail, capofila dei tabloid della destra populista schierati da tempo contro Meghan e accusati apertamente di razzismo dai duchi di Sussex, il principe Carlo e il principe William, padre e fratello maggiore di Harry, nonché primo e secondo nella linea di successione alla corona, avrebbero spinto in una riunione delle ultime ore a favore d'una risposta dura ai due ribelli, inclusa forse la revoca dei titoli reali di duchi. Ma la regina Elisabetta, 95 anni ad aprile, si sarebbe limitata a prender tempo per approfondire meglio la situazione. Harry, secondogenito di Carlo e Diana, è considerato fin dall'infanzia un po' il nipote prediletto della sovrana.

Harry e Meghan, le prime pagine dei giornali britannici

Intanto, il leader dell'opposizione laburista britannica Keir Starmer ha dato manforte alle richieste di un'indagine interna a Buckingham Palace avanzate ieri da esponenti del suo partito: sostenendo che i sospetti di razzismo (rispetto ai quali Harry ha scagionare solo i suoi nonni, la regina Elisabetta e il principe consorte Filippo) come quelli di mancata assistenza psicologica da parte dell'istituzione monarchica al momento della crisi psicologica e dei pensieri suicidi di Meghan vanno «presi molto sul serio». Ieri il premier conservatore, Boris Johnson, si era trincerato dietro un no comment sull'intervista dei Sussex, limitandosi a elogiare la sola regina per la sua azione «unificante» nel Paese. Mentre la Casa Bianca si era premurata di far sapere che il presidente americano Joe Biden simpatizza per Harry e Meghan, ex attrice di origini materne afroamericane, e ne apprezza «il coraggio».

Harry e Meghan, l'intervista stasera in Italia: i messaggi in codice dietro il vestito della duchessa

Attesa risposta della regina

Nel frattempo si apprende che Buckingham Palace vorrebbe rispondere a breve alle accuse di razzismo. Il principe Carlo, padre di Harry, è comparso oggi in pubblico in un impegno ufficiale e ha evitato di rispondere ad una domanda sulle accuse lanciate dalla duchessa del Sussex. Secondo quanto riporta il Telegraph, i funzionari di Palazzo hanno già preparato una dichiarazione ufficiale, che la regina Elisabetta ieri non ha voluto approvare. La regina, si apprende, preferisce prendere un po' tempo per pensare.

Video

Martedì 9 Marzo 2021, 12:38 - Ultimo aggiornamento: 17:11
© RIPRODUZIONE RISERVATA