Maschi troppo timidi, la Cina rimedia: a scuola arrivano i corsi di ginnastica con gli insegnanti uomini

Maschi troppo timidi, la Cina rimedia: a scuola arrivano i corsi di ginnastica con gli insegnanti uomini
4 Minuti di Lettura
Sabato 6 Febbraio 2021, 09:13 - Ultimo aggiornamento: 09:21

Pechino, abbiamo un problema. I maschi non sono più tanto maschi secondo il governo comunista che vuole introdurre dei corsi di recupero specifici. Corsi di cosa? Lezioni di mascolinità per combattere timidezza e atteggiamenti considerati effeminati. Proprio così, quella che in Occidente viene ormai genericamente riconosciuta come mascolinità tossica. 

Perciò i funzionari del ministero dell'Istruzione in Cina hanno annunciato di voler creare un programma ad hoc  per «coltivare la mascolinità» nei ragazzi in età scolare introducendo a scuola più lezioni di ginnastica e aggiungendo più insegnanti maschi. É in particolare un alto consigliere politico, Si Zefu, ad aver fatto scoppiare la bomba accusando letteralmente le madri, le nonne e le insegnanti di viziare i giovani cinesi e di renderli troppo «delicati, codardi ed effeminati». In una proposta presentata al governo, Si ha detto che il paese ha bisogno di prevenire la crescente femminilizzazione dei giovani studenti.

Nel 2018, ad esempio, già il preside della scuola Jiang Zhiming, nella città orientale di Hangzhou, nella provincia cinese dello Zhejiang, ha lanciato un corso di arrampicata su roccia dicendo: «I ragazzi sono troppo deboli, hanno bisogno di uno sport maschile». In questa stessa città un anno fa erano stati grattati via dai muri delle strade i poster di una famosa boy band, colpevole di non essere abbastanza mascolina. 

La questione è seria secondo Si Zefu che ravvisa una «minaccia allo sviluppo e alla sopravvivenza della nostra nazione». L'appoggio del ministero alla proposta ha provocato una reazione immediata nell'opinione pubblica ma anche tra esperti di genere e sessualità. La prima conseguenza? Potrebbe essere la violenza domestica o il bullismo sull'identità sessuale e l'espressione di genere. 

Femminicidi in Italia, Istat: nel 2020 le donne sempre più a rischio, nel 70% dei casi a uccidere è il marito

Fang Gang, un sessuologo di Pechino, crede che questa visione obsoleta della mascolinità maschile sia legata alla violenza sessuale e domestica. «Un'espressione maschile dominante richiede agli uomini di essere coraggiosi, rudi, di sopraffare le donne, così quando gli uomini non possono raggiungere questo attraverso il successo nella carriera o in altri modi, sono stati sminuiti dal patriarcato come 'non uomini», queste le sue parole riportate da Inkstonenews, giornale del gruppo South China Morning Post. «La violenza domestica è una forma di cercare di sostenere quell'immagine da 'duro'. Questi uomini inconsciamente temono profondamente di 'non sembrare un uomo' e cercano di mostrare la loro forza attraverso la violenza», ha spiegato Gang.

Famiglia, in Cina stop alla violenza in casa: così si sostiene l'altra metà del cielo

© RIPRODUZIONE RISERVATA